6 maggio: il CISU al Museo del Fantastico e della Fantascienza (MUFANT) di Torino!

Il Centro Italiano Studi Ufologici sta stringendo vari accordi di collaborazione con il Museo del Fantastico e della Fantascienza (MUFANT) di Torino, che si trova in via Reiss Romoli, 49-bis, nella parte nord della città.

La prima occasione in cui avremo modo di  presentare  i frutti di questa collaborazione sara l’inaugurazione delle nuove collezioni del MUFANT (“Il fantastico nelle produzioni RAI”, la sezione “Fantascienza delle origini”, quella dei “Pulp magazine” e l’Area Robot).

Alla presenza degli assessori alla cultura del Comune di Torino e della Regione Piemonte, sabato 6 maggio, alle 17.20, lo studioso del CISU Paolo Toselli  parlerà su Anni 50: Dischi volanti ed extraterrestri in TV: un’accurata indagine sulle suggestioni televisive degli anni ’50-’60, cioè quelle che contribuirono a creare lo stereotipo dell’extraterrestre plasmando sogni e convinzioni.

Prossimamente uno degli spazi del museo sarà allestito con una mostra curata dal CISU sullo stesso tema, con esposizione di oggetti in teca e pannelli illustrativi a mo’ di mostra.

In quella sala sono previste altre iniziative di rilevanza ufologica che saranno curate dal CISU in collaborazione con il MUFANT e che, in prospettiva, dovrebbero diventare permanenti.

Vi terremo aggiornati su queste nuove e più importanti aree di lavoro CISU – MUFANT.

Intanto il programma completo dell’evento del del 6 maggio si trova a questa pagina Facebook.

 

 

++ Save the Date! ++ TORINO, SABATO 7 OTTOBRE: 32° Convegno Nazionale di Ufologia

++ SAVE THE DATE!!! ++

Questo è un primo annuncio:

il 32° Convegno Nazionale di Ufologia organizzato dal Centro Italiano Studi Ufologici (CISU) avrà luogo sabato 7 ottobre 2017 nella città di Torino, sarà aperto al pubblico, ad accesso gratuito e durerà per tutta la giornata.

E’ probabile sia accompagnato da iniziative collaterali.

Torneremo con maggiori dettagli organizzativi, sugli ospiti e sul programma generale.

Il Consiglio direttivo del Centro Italiano Studi Ufologici vi invita caldamente a partecipare e a sostenere un’ufologia attiva, di orientamento scientifico e fatta per le persone che vogliono ragionare.

Iscrivetevi al Centro Italiano Studi Ufologici!

Gratis per voi un altro numero della collezione di “UFO – Rivista di Informazione Ufologica”

Il Centro Italiano Studi Ufologici sta mettendo progressivamente a disposizione del pubblico la collezione della sua principale pubblicazione periodica, ossia la rivista “UFO”, adesso nel suo trentunesimo anno di esistenza.

A pochi giorni dall’uscita del nuovo numero (per riceverlo e per avere quelli futuri abbiamo bisogno che ci sosteniate iscrivendovi come collaboratori) ecco intanto, gratis, un altro degli esemplari passati della nostra collezione, il numero 40.

Potete scaricarlo qui. Nelle sue pagine troverete ulteriori esempi del nostro lavoro e dei modi in cui operiamo.

Più che mai è adesso necessario disporre di una nuova generazione di appassionati di UFO che condividano la concezione del mondo alla quale ci ispiriamo nell’occuparci del fenomeno: quella della scienza.

Il Centro Italiano Studi Ufologici apre le porte a chi voglia intraprendere questa nuova avventura del pensiero e della ricerca. Ognuno può portare una propria competenza e qualche specifico interesse per questo o quell’aspetto del nostro studio.

Chiunque voglia imparare “come si fa ufologia” troverà nella nostra associazione un approdo sicuro e sperimentato.

Uscito il numero 42 di “UFO – Rivista di Informazione Ufologica”

E’ uscito il nuovo numero di UFO – Rivista di Informazione Ufologica. La rivista, che  è  pubblicata dal Centro Italiano Studi Ufologici dal 1986 è giunta ora al numero 42, viene inviata a tutti gli aderenti alla nostra associazione ma è acquistabile da chiunque sul sito della Cooperativa editoriale UPIAR.

UFO 42 copertina
La copertina del n. 42 della nostra rivista periodica.

Segnaliamo un lungo articolo relativo ad una complessa  contro-inchiesta che gli studiosi Matteo Leone e Paolo Fiorino hanno condotto su un famoso caso di incontro ravvicinato del terzo tipo che si verificò a Casale  Monferrato (Alessandria) nell’aprile 1974, l’analisi, condotta dal NARCAP, di un incontro UFO-aliante avvenuto negli Stati Uniti il 9 agosto del 2015 e le indagini su alcuni presunti incontri del terzo tipo siciliani.

E poi ancora: Marco Orlandi che finalmente documenta in maniera seria il vasto interesse che David Bowie ebbe per gli UFO, il dibattito a distanza fra gli studiosi Jacques Vallée e Vicente-Juan Ballester Olmos sugli orientamenti da dare alla futura ufologia scientifica, un’ampia sezione di Attualità gestita da  Giuseppe Stilo insieme ad un suo articolo su tre ufologi scomparsi recentemente che rappresentano tre pezzi di storia dell’ufologia stessa e tante altre notizie e commenti che non troverete altrove.

Per aderire al CISU come collaboratori e ricevere in modo automatico la nostra rivista dovete compilare il modulo di iscrizione.

2016: sempre meno UFO in Italia – tutti i numeri

Meno UFO in Italia anche nel 2016: per il quarto anno consecutivo diminuiscono fortemente (del 25%) le segnalazioni di strani oggetti e luci nei cieli italiani, sulla base dei dati raccolti dal Centro Italiano Studi Ufologici (CISU).

Il primo consuntivo dell’anno appena concluso è basato sui questionari compilati direttamente dai testimoni sul sito web del CISU: solamente 187, mentre erano stati 247 l’anno precedente (399  nel 2014, 617 nel 2013 e 964 nel 2012). Un trend chiaramente in forte discesa, per il quale non ci sono ancora spiegazioni.

In base ai dati Doxa, almeno 3 milioni di italiani pensano di aver visto un UFO, ma il numero di avvistamenti UFO in Italia non è costante, e fin dal 1950 ci sono sempre stati anni più  ricchi (le cosiddette “ondate”: ad esempio nel 1954, nel 1978 e da ultimo nel  2009) seguiti da altri poverissimi (1955, 1981-82, 1991, 1998).

Sono state fatte varie ipotesi di correlazione tra il numero di segnalazioni UFO e altri fenomeni fisici (vicinanza col pianeta Marte) o sociologici (crisi economiche), ma nessuna è stata confermata nel tempo.

Il CISU, che affronta l’argomento UFO in un’ottica scientifica e non sensazionalistica,  fa periodicamente appello ai testimoni di fenomeni aerei insoliti, perché riferiscano le loro osservazioni collaborando all’attività di  studio ed ha finora raccolto 25.000 casi di avvistamento in Italia a partire dall’ultimo dopoguerra.

Sulla base delle indagini e delle analisi degli ufologi, oltre il 90% degli avvistamenti risulta spiegabile con fenomeni naturali (meteore e bolidi, corpi astronomici) o oggetti artificiali (satelliti, palloni sonda, fari a effetto laser, negli ultimi anni le lanterne cinesi e i droni) e meno del 10% rimane realmente “non identificato”.

 

Risorse operative per ufologi: gli inganni del cielo

Gli inganni del cielo rappresentano il pane quotidiano dello studioso di ufologia.

Uno dei compiti  dell’ufologo di orientamento scientifico consiste nell’analisi dei resoconti dei testimoni, D’altro canto l’esperienza ci dice che dopo adeguati approfondimenti la stragrande maggioranza di essi sarà spiegata in termini convenzionali, Perciò, avere una conoscenza adeguata degli inganni del cielo e magari disporre di un prontuario è una necessità per noi che vogliamo indagare.

Oggi disponiamo di un buon strumento online per le nostre esigenze.

Il sito francese Méprises du ciel (Inganni del cielo, appunto) offre un lungo elenco di possibili fonti di confusione da parte di osservatori anche ben preparati.

Divide queste cause in tre grandi categorie (artefatti fotografici, fonti naturali, fonti artificiali) a loro volta ripartite in numerose sottocategorie e  molte volte in sezioni ancora più specifiche, da consultare una per una con cura.

Ampiamente illustrato da spiegazioni, foto, video e corredato sovente da riferimenti bibliografici, il sito ha un ulteriore pregio: fa vedere per immagini come molte fonti di errore (ad esempio, i satelliti artificiali) si presentano in concreto a chi le osserva da terra, ossia da grandi o grandissime distanze.

Un’altra cosa importante  è la presenza di fonti di errore comparse di recente. Non dimentichiamo che gli sbagli nell’osservazione mutano negli anni al cambiare della scienza, della tecnica e della cultura.

Andate, per sincerarvene, alla pagina dedicata alle nuvole di schiuma per feste, una nuova combinazione di polimeri e di gas elio che, modellati da stampanti 3D, fanno volare in cielo oggetti leggerissimi dotati di forme sempre nuove – in pratica senza limiti di fantasia.

Noi del Centro Italiano Studi Ufologici abbiamo ritenuto talmente interessante questo sito da inserirlo nella nostra pagina Risorse operative.

Ricordate sempre, però: l’esperienza sul campo, quella fatta parlando in modo diretto con i testimoni, ascoltandoli con cura, prendendo nota rigorosa di quanto raccontato, magari registrandone (col loro permesso) i racconti non potrà mai essere sostituita un sia pur utilissimo, ben fatto ed encomiabile sito di riferimento. Accanto a strumenti come questo, dunque, occorre l’uso del Manuale di metodologia d’indagine. E il vostro lavoro.

Il fatto di concentrare l’attenzione sugli “sbagli” non è un fallimento dell’ufologia: è un modo per comprendere la realtà delle cose, il modo in cui funzionano – e scoprire che di solito non sono così semplici come pensavamo.

Ed è anche il sistema migliore di attrezzarsi per capire se gli “UFO veri” ci sono.

Buone indagini sugli avvistamenti della vostra zona.

Attendiamo le vostre relazioni.

 

Uscito il nuovo numero della newsletter associativa “Notizie CISU”

E’ appena stato inviato per via telematica a tutti gli aderenti al Centro Italiano Studi Ufologici il n. 8 del dicembre 2016 della newsletter della nostra associazione, Notizie CISU, che informa in modo dettagliato sugli sviluppi dei lavori in corso, delle attività associative e sullo stato di avanzamento dei progetti di studio.

E’ una delle cartine di tornasole del concreto svolgimento dei dibattiti, delle difficoltà incontrate, degli strumenti ideati per cercare di superarle, delle novità interne e delle proposte per il futuro dell’ufologia razionale.

La coordina uno dei nostri soci, Pasquale Russo.

CISU 2017: come iscriversi alla nostra associazione!

Il Centro Italiano Studi Ufologici lancia la sua campagna iscrizioni per l’anno 2017.

Aderire come collaboratore è semplice: basta riempire questo modulo e restituircelo.

Iscriversi al CISU significa entrare a far parte di una squadra di persone con grande esperienza nell’ambito della ricerca ufologica. Vuol dire cominciare a diventare “ufologi” sul serio – non per gioco. Vuol dire cominciare a capire quanto interessante, affascinante, ricco di sorprese sia occuparsi dei fenomeni UFO nel proprio tempo libero, mettendo a disposizione le proprie competenze, capacità, idee, entusiasmo che diventano concreti ed operativi.

Vuol dire usare bene la propria mente, nient’affatto deporla.

Soprattutto, significa poter dire a testa alta che il nostro è un modo di occuparsi degli UFO senza che voi, che siete persone che ragionate e che non credete alle favole, ve ne dobbiate vergognare.

Eccovi in anteprima la tessera per i collaboratori del 2017 pensata da Gian Paolo Grassino, grafico editoriale e attuale presidente del CISU. S’ispira al famoso avvistamento che diede il via all’era contemporanea dei fenomeni UFO, quello dell’imprenditore americano Kenneth Arnold, avvenuto il 24 giugno 2017, il caso che come studiosi razionali rivendichiamo come “vera” data di nascita del fenomeno odierno, in polemica con la tendenza che vorrebbe invece identificare tale ricorrenza nel 2 luglio, giorno del supposto, mitologico “incidente” del disco volante di Roswell.

Quest’anno ricorrerà il 70° anniversario dell’ufologia attuale: ci aspettano numerose occasioni di studio, di discussione e pubblicazioni legate a questa scadenza. Non perdetevele.

Buon anno, e buon lavoro  a tutti voi che ci darete fiducia!

Avvistamenti recenti/ Osservazione ravvicinata nella Sardegna meridionale

Negli ultimi tempi gli inquirenti della sede sarda del Centro Italiano Studi Ufologici hanno indagato in modo ampio su un episodio interessante di avvistamento ravvicinato di un corpo che ha compiuto evoluzioni a bassa quota presso una strada statale del sud della Sardegna.

Dal loro rapporto d’inchiesta apprendiamo che la sera di venerdì 26 agosto 2016 quattro giovani si stavano recando in moto da Iglesias a Villanovaforru, in provincia di Carbonia. Il CISU Sardegna è riuscito ad ascoltare tre dei quattro testimoni.

Verso le 20.30, mentre viaggiavano in direzione sud sulla SS293, nel territorio del comune di Samassi, avrebbero visto in cielo una sferetta di luce che si sarebbe avvicinata a loro trasformandosi in qualcosa di forma “a diamante” o “a sigaro” con luci multicolori.

Avrebbe effettuato movimenti complessi arrivando ad un certo punto ad una distanza non superiore da loro ai duecento metri, avrebbe spento e acceso le luci, compiuto inversioni di rotta e mostrato grandi dimensioni, stimate da un testimone sino ad una lunghezza di trenta metri.

Anche se le stime fra i testi divergono notevolmente, la grandezza apparente nella volta celeste del corpo non identificato sarebbe stata comunque notevole.

Non è stato percepito alcun rumore, nemmeno nel momento di distanza minima dal gruppo degli osservatori. Sarebbe stato allora che l’UFO avrebbe mostrato la sua parte inferiore, molto luminosa, di forma tonda o ovale, dentro la quale si sarebbe stagliata una grande struttura a croce anch’essa luminosa.

Alla fine sarebbe scomparso dietro una collina. L’avvistamento si protrasse per parecchi minuti e i quattro ne seguirono le fasi sempre dalle loro moto, senza mai arrestarsi per timore di causare qualche incidente. Quello che vedete qui è lo schizzo tracciato da uno testimoni per gli inquirenti della sede sarda del Centro Italiano Studi Ufologici.

Per la sua complessità il caso sarà probabilmente oggetto di una trattazione in forma estesa in uno dei prossimi numeri di UFO – Rivista di informazione ufologica. Come di consueto, si ricorda che il processo di valutazione di una presunta osservazione ufologica è lungo e complesso e che niente di definitivo si può dire al momento circa la natura del fenomeno riferito.

Su Query Online, rivista del CICAP, la seconda parte dell’intervista a Edoardo Russo. Come lavora il CISU? Come collaborare?

Dopo una prima parte uscita quattro giorni fa, compare oggi sul sito di Query Online la seconda metà della lunga intervista che la pubblicazione del CICAP ha fatto al segretario del Centro Italiano Studi Ufologici, Edoardo Russo.

edoardo_russo
Luglio 2014: Edoardo Russo relaziona in occasione del seminario di studi sui fenomeni UFO organizzato dal Centre National d’Etudes Spatiales francese.

 

Che cos’è l’ufologia di orientamento scientifico oggi in Italia? Come si può dare un contributo ad affrontare un problema complicato come quello dei fenomeni UFO in maniera seria senza doversene vergognare?