E’ morto Ernst Zündel, promotore del mito degli UFO nazi – e lui stesso neonazista

Il 6 agosto è morto un personaggio particolarmente inquietante della pur variegata platea ufologica.

Nella sua casa natale di Calmbach, nella Foresta Nera tedesca, è deceduto a 78 anni Ernst Zündel, un neonazista e negatore dell’Olocausto ebraico particolarmente attivo e conosciuto dagli anni ’80 del secolo scorso.

Più o meno dal 2000 Zündel ha assunto una certa notorietà a causa dei processi che gli sono stati intentati dalla giustizia canadese per la sua vasta produzione incitante all’odio e all’apologia di Hitler, cosa che agli occhi della destra radicale di mezzo mondo lo ha trasformato in uno dei paradossali eroi della libertà di parola di cui in tempi recenti quegli ambienti sembrano essere diventati paladini.

Nato in Germania nel 1939, era emigrato in Canada, a Toronto, nel 1958 e li aveva subito iniziato la sua attività di propaganda. Aveva cercato più volte di ottenere la cittadinanza di quel Paese ma la richiesta era sempre stata respinta.

Ma Zündel è stato un personaggio purtroppo di un certo peso anche per l’ufologia. Con la sua produzione letteraria e pamphlettistica sul mito dei dischi volanti nazisti lo si può considerare, fra il 1973 e la metà degli anni ’80, come uno degli anelli di congiunzione fra le versioni classiche di un mito che ormai sembrava morente e la sua rinascita impetuosa cominciata appunto intorno al 1985.

Nel 1974, a Toronto, Zündel diede vita alla casa editrice “Samisdat” e a un gruppo che, almeno in quella prima fase, non fece altro che usare il mito dei dischi nazisti nella sua forma più classica (sopravvivenza segreta del Führer, Terra cava, basi dei dischi tedeschi sotto i Poli) per far passare discorsi di propaganda hitleriana.

Sotto vari pseudonimi (Christof Friedrich e Friedrich Mattern), Zündel pubblicò almeno un paio di mallopponi in forma di libro, ossia UFOs: Nazi Secret Weapon (1976) e Nazi Secret Polar Expedtions (1978) e – non ultimi – una guida alle conversazioni in tedesco con i piloti dei dischi volanti (!) e il progetto per una spedizione in Antartide al prezzo di 9.999 dollari a testa per cercare la localizzazione esatta delle basi naziste ancora attive e gli ingressi alla Terra cava.

Poi, nei decenni più prossimi a noi, la vicenda di Zündel si confonde in modo più diretto con quella della rinascita del neonazismo in molte parti del mondo.

[in evidenza: un’edizione recente del primo libro di Zündel]

Dagli archivi militari inglesi – 1982: un incontro fra un UFO e un aereo-spia americano sul Mediterraneo

Il 30 giugno lo scrittore, storico dell’ufologia e folklorista inglese David Clarke ha pubblicato sul suo sito la notizia che, con la messa a disposizione del pubblico presso gli Archivi nazionali da parte del Ministero della Difesa britannico  degli ultimi quindici faldoni di incartamenti relativi al fenomeno UFO da esso raccolti è venuto alla luce un caso di grande interesse di presunto incontro fra UFO e aerei militari.

Protagonista principale ne fu l’equipaggio di un aereo per sorveglianza elettronica RC-135 dell’USAF, l’Aeronautica americana, che monitorava le attività militari sovietiche in volo a sud di Cipro, sul Mediterraneo orientale, regione allora al centro delle vicende della Guerra fredda.

A partire dalle 16 del 19 ottobre 1982, un oggetto fatto di  “una moltitudine di luci che lampeggiavano venti per volta” fu visto dall’intero equipaggio dell’aereo e si sarebbe accostato sino a due miglia dal velivolo, avvicinandosi poi ancora di più e seguendolo di coda.

L’aereo chiese il supporto delle aviazioni inglesi ed americane: due F-14 Tomcat decollati da una portaerei e un F-4 Phantom partito da Cipro, tuttavia, non riuscirono a vedere nulla – anche perché in quella fase l’UFO prese ad allontanarsi verso la costa africana, a sud.

Allo stesso modo il fenomeno non fu rilevato dalla base aerea inglese di Troodos, a Cipro, che pure registrò tutte le conversazioni con l’RC-135.

Il caso appare di grande complessità, ed è comunque da tenere presente che su di esso furono senz’altro prodotti documenti e valutazioni ulteriori sia da parte dei militari inglesi sia di quelli americani. Di questi incartamenti al momento non si sa nulla, anche se l’indagine sull’episodio fu condotta in comune.

Un alto ufficiale della RAF avanzò il sospetto che si fosse trattato di un miraggio dalla costa libanese o da quella israeliana, ma l’evento per ora rimane aperto.

Il fatto è degno di ben altre analisi, ma qui vale la pena di ricordare che i cataloghi del Progetto AIRCAT del CISU, che si occupa delle osservazioni di presunti UFO fatte da bordo di velivoli, per il periodo 1980-82 presenta una serie di episodi di difficile valutazione di cui furono protagonisti aerei militari e civili in volo sullo spazio aereo italiano o sul Mediterraneo le cui dinamiche paiono inserirsi bene nel contesto del tempo: le guerre nel Vicino Oriente, le tensioni fortissime fra la NATO e la Libia del colonnello Gheddafi.

[Nella foto in evidenza: la stazione radar inglese di Troodos, a Cipro, a meta degli anni ’70 del secolo scorso – dal sito: http://www.rafakrotiri.co.uk]

Gli “Airglows” dell’alta atmosfera e i presunti UFO del passato

Il 4 luglio, dopo averlo ampiamente annunciato, la rivista di geofisica Geophysical Research Letters ha pubblicato un articolo interessante anche per noi: si intitola WINDII airglow observations of wave superposition and the possible association with historical “bright nights” ed è firmato dai geofisici Gordon G. Sheperd e Young-Min Cho.

Si occupa dei fenomeni di airglow,  ossia delle debole emissioni luminose generate da processi propri della fisica dell’alta atmosfera e che per primi furono descritti in maniera chiara a sufficienza dal fisico svedese Anders Ångström.

L’articolo presenta i risultati ottenuti da un lungo studio sui dati raccolti grazie ad un interferometro montato sull’Upper Atmosphere Research Satellite (UARS), un grande satellite NASA che fu attivo fra il 1991 e il 2005. Sheperd e Cho sono stati in grado di offrire una spiegazione sul perché in certe occasioni gli airglow diventano più luminosi, sino ad essere osservabili ad occhio nudo con una certa intensità anche a latitudini relativamente basse. E’ quanto si verifica quando in alcuni strati dell’atmosfera avvengono alcune reazioni chimiche i cui meccanismi i due geofisici esplorano (ad esempio, il verde degli airglow è dovuto alla capacità della luce solare di separare l’ossigeno molecolare lì presente in singoli atomi di ossigeno, separazione cui fa seguito la ricombinazione degli atomi che a quel punto liberano l’energia in eccesso sotto forma di fotoni della parte verde dello spettro visibile).

Forse in certi rarissimi casi può darsi che aree limitate di cielo illuminate dagli airglow abbiano generato qualche avvistamento UFO. Come causa di errore erano stati presi in considerazione più volte, nel passato, dagli ufologi di orientamento scientifico.

Tuttavia, nell’articolo di Sheperd e Cho c’è una parte che colpisce proprio lo studioso di ufologia.

I due studiosi, infatti, propongono come evidenza storica degli airglows un gruppo di testimonianze risalenti addirittura alla Naturalis Historia di Plinio il Vecchio e ai suoi “soli notturni”, passando da episodi del XVIII secolo, per giungere infine all’identificazione dei caratteri distintivi del nostro fenomeno, cosa che accadde negli ultimi decenni del XIX secolo.

Ora, i pochi ufologi di orientamento scientifico hanno imparato da tempo a collocare in modo corretto i documenti che parlano di fenomeni aerei insoliti nel passato. Per questo scuotono il capo quando sentono parlare di “presenze aliene” del tempo che fu.

Tuttavia, proprio per questa esperienza e per questa capacità, a volte guardano con perplessità le attribuzioni a fenomeni in via di chiarimento (come nel caso degli airglows, appunto) di certe testimonianze remote, magari appartenente a contesti culturali e letterari molto particolari, distanti dai nostri, fatte da studiosi di ambito universitario.

Anche oggi, il consiglio di questa prudenza nell’etichettamento delle testimonianze “insolite” lontane nel tempo e l’offerta di questo nostro discernimento potrebbe tornare utile ad alcuni studiosi di scienze della natura.

 

La biografia dello studioso Mark O’Connell su J. Allen Hynek, l’astrofisico che voleva una scienza dell’ufologia

Josef Allen Hynek (1910 – 1986) è stato un astrofisico americano di un certo rilievo. Ma, soprattutto, è stato un ufologo.

Non un ufologo qualunque: per chi oggi pensa che la concezione scientifica nell’approccio ai fenomeni UFO sia ineludibile, per molti versi Hynek è una figura di punta nella storia dell’ufologia.

Si tratta di un tempo trascorso per sempre, ma fra gli Anni 60 e gli Anni 80 del secolo scorso si era registrato un certo progresso della presa in considerazione dei nostri fenomeni da parte degli studiosi delle scienze naturali e delle scienze fisiche nel senso più ampio del termine.

Di quella stagione Hynek rappresentò la figura più nota al pubblico, tanto che per alcuni anni assurse allo status di rappresentante non ufficiale dell’analisi razionale degli UFO sia presso i suoi colleghi ufologi sia presso una comunità scientifica e ad ambienti colti che in qualche caso parevano guardare con interesse a quanto stava accadendo nei cieli.

Oggi l’interesse degli scienziati fisici per gli UFO è prossimo allo zero, mentre – al contrario – è ben avviato il dibattito accademico sulla questione fra gli studiosi di scienze umane.

Giunge perciò al momento opportuno la grande biografia intellettuale e umana di J. Allen Hynek realizzata di recente dallo sceneggiatore, blogger e ufologo americano Mark O’Connell.

Si tratta di The Close Encounters Man, che reca il sottotitolo How One Man Made The World Believe in UFOs (“Come un solo uomo fece credere agli UFO tutto il mondo”). E’ uscita il 13 giugno per la Harper Collins di New York, una delle maggiori case editrici del mondo.

L’ufologo australiano Keith Basterfield ne ha scritto un’ampia recensione che vi consigliamo di scorrere con attenzione – prima di invogliarvi ad acquistare voi stessi il volume. La recensione di Basterfield esamina il contenuto del testo capitolo per capitolo mostrando come esso consideri sia la biografia umana e la gioventù dell’uomo, sia la dimensione propriamente scientifica del suo lavoro di astrofisico, sia tutte le sfaccettature del suo interesse per gli UFO, che in varie forme si estese dal 1948 al 1985, senza omettere il lato – poco noto e poco documentato – dell’interesse che Hynek coltivò per il pensiero esoterico.

Hynek fu in Italia più volte fra il 1978 e il 1984 ed ebbe rapporti anche con i giovani del Centro Ufologico Nazionale che poi, nell’85, lo lasciarono per dar vita al Centro Italiano Studi Ufologici. Visitò anche quella che poi diventò, a Torino, la prima sede del CISU, scrivendone parole d’elogio sull”International UFO Reporter”. Dunque, ebbe rapporti con l’ufologia italiana allora in fase di rapida evoluzione proprio negli anni in cui fu – non è chiaro quanto suo malgrado – il leader mondiale dell’ufologia “seria”.

Forse allora troppo precoce per misurarne appieno la statura, oggi quella generazione di fondatori del CISU sa bene ciò che deve  ad Hynek e agli scienziati come lui, e sa che la sua persona fra gli Anni 70 e i primi Anni 80 del XX secolo fu riferimento ineludibile per chiunque volesse occuparsi di UFO senza doversene vergognare.

Quello che anche noi, nel 2017, con molti limiti, cerchiamo di offrire agli italiani.

24 giugno 1947: nasce il fenomeno UFO contemporaneo

Gli anniversari valgono la pena soltanto se sono occasione per capire meglio le cose successe. Il Centro Italiano Studi Ufologici terrà il suo convegno nazionale (aperto al pubblico) che prenderà le mosse proprio dalle riflessioni su un lasso di tempo ormai così lungo, a Torino, sabato 7 ottobre prossimo

Intanto, però, sarà trascorso il settantesimo anniversario della nascita del fenomeno UFO contemporaneo, quello che, come abbiamo spiegato ieri , segna l’avvistamento dell’uomo d’affari americano Kenneth Arnold: una formazione di nove corpi volanti osservati mentre era ai comandi del suo piccolo aereo sui monti dello stato di Washington.

In attesa di ben altre analisi da offrire agli studiosi e al pubblico che vuol capire e spiegare, non emozionarsi o rabbrividire, è forse il caso di dire qualcosa sulla natura stessa di questo “anniversario”.

Il 24 giugno 1947 nascono i dischi volanti, che dal 1953-54 cominceranno ad esser chiamati anche in pubblico UFO (la sigla era nata in ambiente militare americano), ma fenomeni aerei insoliti in larga parte sovrapponibili a quelli che presero ad esser descritti dal 1947 erano presenti nelle fonti del tempo almeno (ad esser prudenti)  dagli inizi del XVIII secolo.

Grazie alle ricerche degli studiosi di ufologia, oggi conosciamo molte decine di migliaia di episodi di questo genere, provenienti da mezzo mondo.

Un anniversario importantissimo per l’ufologia, dunque, quello odierno. Ma forse persino più importante può essere notare che fenomeni aerei insoliti hanno interrogato persone colte, scienziati, giornalisti e autorità di vario genere ormai davvero da diverse centinaia di anni.

La comprensione adeguata dei fenomeni descritti e di ciò che si muove intorno ad essi è ciò che è giusto, bello e logico celebrare e promuovere, oggi che è il 24 giugno e per tutti i giorni dell’anno.

Questo è il vero, fermo impegno del Centro Italiano Studi Ufologici. 

Volete essere dei nostri?

[Nella foto, la relazione inviata da Kenneth Arnold ai servizi d’informazione dell’Aviazione dell’Esercito il 12 luglio 1947, ossia diciotto giorni dopo la sua esperienza.]

 

 

Le immagini UFO menzionate in un documento militare Usa

Sebbene il 17 dicembre del 1969 il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, dopo ventidue anni d’interesse, avesse dichiarato conclusa la sua attività d’indagine sui fenomeni UFO in seguito ai risultati negativi della cosiddetta Commissione Condon dell’Università del Colorado, oggi sappiamo con sufficiente chiarezza che quell’interesse dei militari americani è proseguito in varie forme.

Oggi si dispone di una fonte documentaria attendibile che sostiene  ulteriormente quest’affermazione.

Ai primi di maggio l’ufologo americano Paul Dean ha pubblicato sul suo blog UFOs – Documenting the Evidence la riproduzione di un breve paragrafo di un manualetto prodotto dallo staff del vice-segretario alla Difesa per gli affari pubblici del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti in una prima versione nell’aprile del 2001 e poi modificato nell’ottobre del 2002. In esso figurano cose rilevanti per il nostro problema.

Si tratta del DoD Instruction 5040.6, Life-Cycle Management of DoD Visual Information (VI), ossia dell'”Istruzione del Dipartimento della Difesa n. 5040.6 – Gestione del ciclo vitale dell’Informazione visiva del Dipartimento”. In altri termini, spiega in modo sommario come i militari americani devono gestire le immagini audio-video di loro competenza. E’ in documento annesso a questo, però, che si trova quello che ci riguarda, cioè nel DoD Manual 5040.6-M-1, Decision Logic Table Instructions For Recording And Handling Visual Information Material” (DoD Manual 5040.6-M-1), cioè il “Manuale del Dipartimento della Difesa 5040.6-M-1 – Tavole d’istruzione per la logica decisionale nella registrazione e il trattamento del materiale contenente informazione visiva”.

In sostanza,  insieme questi due documenti forniscono indicazioni su come si devono trattare le fotografie, i video e ogni altra forma di immagine digitale o tradizionale ripresa da militari di tutte le forza armate degli Stati Uniti, sia per quanto riguarda il salvataggio e l’archiviazione, la circolazione e la trasmissione a terzi.

Alla pagina 53 (capitolo 5, paragrafo 21) del secondo di queste due istruzioni si trova una tabella intitolata

“IMMAGINI RELATIVE AD OGGETTI VOLANTI NON IDENTIFICATI (UFO) E AD ALTRI FENOMENI AEREI.”

Ecco cosa spiega il testo. La tabella che segue riguarda immagini in cui siano stati registrati UFO e altri fenomeni aerei non immediatamente identificabili come velivoli convenzionali o missili. La tabella elenca pure la priorità assegnata ad ogni categoria di immagini e fornisce le relative istruzioni per il loro trattamento.”

Segue la tabella vera e propria, che ha il titoletto “Immagini di UFO e di altri fenomeni aerei”. E’ molto breve e formata da due piccole colonne. Quella di sinistra ha il titoletto “Descrizione dell’oggetto”, quella di destra “Istruzioni”.
A sinistra ci sono due tipi di eventi che potrebbero essere ripresi, ossia: Oggetti aerei non immediatamente identificabili come aerei e convenzionali e, di seguito, Fenomeni aerei (comprese luci in movimento e fenomeni simili).

La colonna di destra, che invece, come spiegato, deve riportare le priorità d’importanza per simili immagini e le istruzioni per il trattamento non pare assegnare speciale enfasi alla questione. La priorità infatti è “normale”, e le istruzioni consistono nel “fornire copie o duplicati a seconda delle necessità ai comandi locali e a quelli superiori. Trattare le immagini registrate con videocamera secondo quanto previsto dall’Appendice 2”.

Pur senza assegnare particolare rilievo alla faccenda, da questo documento emerge che il Dipartimento alla Difesa chiede che le immagini di presunti UFO e altri fenomeni aerei insoliti siano trasmesse dai membri delle Forze Armate ai loro comandi. Non è chiaro che cosa comporti questa catena di trasmissioni. Non vi è infatti alcuna indicazione circa ulteriori analisi e processi valutativi.

Anche se questo documento comporta per definizione la quasi certezza che negli ultimi decenni i militari americani hanno prodotto e archiviato documentazioni su eventi ufologici da loro osservati, documentazioni che restano per ora non di accesso generale agli studiosi e al pubblico, il fatto che queste brevi istruzioni siano state pensate dal Sottosegretariato agli affari pubblici  fa sospettare che le preoccupazioni relative ad un utilizzo cattivo o distorto di eventuali immagini insolite abbia giocato una parte nella loro genesi. Purtroppo, si tratta di un documento troppo laconico e isolato per poter asserire di più.

“Maratona UFO” in Argentina, il 24 giugno, per il 70° anniversario dell’ufologia contemporanea

Sabato 24 giugno cade il settantesimo anniversario della nascita dell’ufologia contemporanea. E’ importante sottolineare che questa data non dipende da “astronavi aliene precipitate”, “giorni della firma di patti segreti coi governi” o da altre fantasie da “storia alternativa” – sarebbe a dire, da balle di vario genere oggi dilaganti.

L’ufologia (nel senso di studio) e il fenomeno UFO (nel senso di ciò che si discute) nascono perché un piccolo imprenditore americano, a bordo del suo modesto aereo privato, vede e subito dopo descrive ad altri qualcosa di strano che ritiene di aver visto in cielo.

L’ufologia contemporanea, insomma, significa studio razionale e sensato di osservazioni di cose strane viste in cielo o nei pressi del suolo. 

Tutto qui.

In questa occasione sono in programma occasioni ed eventi di ogni genere. Molti stupidissimi, commerciali, fatti per chi pensa che “ufologia” sia una parte dell’ideologia complottista oggi popolare o di qualche forma di neo-religione che a dei e demoni ha sostituito gli “alieni”.

Altre sono serie e danno cibo per la mente. Per questo le portiamo alla vostra attenzione.

Ad esempio, dall’altra parte del globo, in Argentina, ci sarà una vera e propria Maratona ufologica che, a Buenos Aires, avrà per sede l’Istituto d’indagine Storica “Museo Roca”.

Una serie di conferenze e di tavole rotonde impegneranno i partecipanti per gran parte della giornata.  L’approccio sarà di tipo multidisciplinare: vedrà impegnati storici professionisti, psicologi, giornalisti, astrofisici, antropologi, psichiatri e militari delle Forze armate argentine.

Saranno dunque affrontati in maniera critica tutti gli ambiti della migliore ricerca attuale: dall’analisi e metodologia d’indagine della casistica corrente degna d’interesse, alle determinanti culturali e antropologiche che alla fine degli anni ’40 del secolo scorso provocarono l’esplosione della questione dei “dischi volanti”, sino agli aspetti propriamente psicologici della fenomenologia.

Qui potete leggerne il programma.

Il Centro Italiano Studi Ufologici condivide questo modo di operare e di affrontare il complesso problema di nostro interesse, e saluta nell’amico e studioso di anomalistica Alejandro C. Agostinelli uno degli animatori di questa importante iniziativa di studio.

I lettori del nostro sito saranno aggiornati sul contenuto degli interventi. E’ possibile che le nostre pubblicazioni, riservate agli iscritti, presentino al pubblico italiano qualche contributo di particolare rilievo proveniente dagli studiosi convenuti nella capitale sudamericana.

 

I casi UFO “D2” del GEIPAN francese: ci sono UFO… più UFO degli altri?

Il GEIPAN (“Groupe d’Études et d’Information sur les Phénomènes Aérospatiaux Non Identifiés”) del “Centre National d’Études Spatiales” (CNES) francese ha da poco compiuto quarant’anni, resistendo a cambi di denominazione, di orientamenti e personalità dei suoi direttori e sempre soggetto alle oscillazioni della linea generale del CNES riguardo a un argomento controverso come i fenomeni UFO.

E’ ben noto che il GEIPAN classifica quelli che definisce “Fenomeni aerei non identificati” (PAN, in francese) raggruppandoli in quattro categorie da “A” a “D” in base a criteri di crescente qualità del contenuto informativo della testimonianza e di crescente difficoltà a spiegare le testimonianze in termini “banali” (i casi “C” sono quelli in cui mancano informazioni sufficienti per un giudizio).

I casi “D” del GEIPAN, dunque, sono quelli che restano non identificati dopo lo svolgimento di adeguate indagini (e dunque sono i resoconti UFO in senso stretto).

Di recente, però, i francesi hanno affinato la loro classificazione dividendo i casi “D” in due sottocategorie, i “D1” e i “D2”.

In questo modo, si hanno dei casi “strani” (quelli col cosiddetto “coefficiente di stranezza” compreso fra 0,5 e 0,75, i “D1”) e i casi “stranissimi” (quelli col coefficiente di stranezza fra 0,76 ed 1 , ossia i “D2”).

Insomma, il GEIPAN fa comparire un insieme casistico che parrebbe puntare all’idea che nella casistica ufologica ci siano casi non identificati le cui caratteristiche fenomenologiche divergerebbero in modo assai forte da quelle necessarie per ricondurli a cause convenzionali.

Insomma, i “D2” sarebbero dei rapporti UFO… più UFO di altri.

Per quanto l’iniziativa possa prestarsi ad osservazioni critiche (la cosa è già avvenuta, ad esempio su questo forum di studiosi scettici sui nostri fenomeni), l’idea del GEIPAN offre parecchi spunti di analisi.

Ci sono davvero, fra i casi che noi ufologi di orientamento scientifico consideriamo “non identificati” casi “più strani” di altri? E, nel caso dei grandi archivi del GEIPAN, quali eventi gli studiosi francesi considererebbero tali (cioè, dei supposti “D2”?)

E, infine, questi supposti casi “stranissimi” potrebbero condurre gli studiosi di ufologia e gli scienziati in qualche direzione precisa circa la natura degli eventi?

UFOPOP ad Alessandria: dal 9 giugno, la cultura popolare e i dischi volanti

Dall’estate 1947, subito dopo i primi avvistamenti di dischi volanti, la cultura popolare è stata contaminata da una quantità esagerata di creature aliene e astronavi galattiche in visita al nostro pianeta.

Dal cinema ai fumetti, dalla musica alla letteratura, dalla pubblicità ai giocattoli e, più recentemente, dalla moda all’arte contemporanea, UFO ed extraterrestri spopolano nei contesti più inaspettati. Anche a distanza di decenni dal caso del presunto disco volante precipitato a Roswell, New Mexico, realtà e credenza continuano a farci sognare.

Per percorrere i sette decenni di “contaminazioni” aliene, il Centro Italiano Studi Ufologici propone presso il Museo Etnografico “C’era una volta”, Piazza della Gambarina, Alessandria, la mostra tematica:

 UFOPOP: 1947-2017

70 ANNI DI DISCHI VOLANTI ED EXTRATERRESTRI

NELLA CULTURA POPOLARE 

dal 9 al 30 giugno 2017

 Da un’idea di Paolo Toselli

L’invito per l’inaugurazione è alle ore 18.00 di venerdì 9 giugno.

Ingresso libero tutti i giorni dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00, esclusa la domenica mattina.

La mostra raccoglie alcuni esempi ed espressioni della cultura popolare che, probabilmente, dicono più cose su di noi che su ipotetiche creature provenienti da altri mondi.

E per i più curiosi, l’appuntamento prosegue domenica 18 giugno, alle ore 17.00, sempre presso il Museo Etnografico “C’era una volta”, per la conferenza:

 “UFO Fake: presi nella rete” 

con Danilo Arona e Paolo Toselli

Ore 23.09 di martedì 30 maggio – Grande bolide luminoso sull’Italia settentrionale e centrale, sulla Croazia e sull’Austria

Alle 23.09 e 23 secondi circa di martedì 30 maggio, seguito in alcune zone del nord-est da un forte boato, un bolide di grandi dimensioni visive accompagnato da lunga scia si è reso visibile per diversi secondi nel cielo di moltissime località italiane, sino alla Croazia occidentale e all’Austria, com’è possibile constatare dalla base dati dell’International Meteor Organization.

Secondo le prime informazioni, che il CISU sta iniziando a raccogliere in modo sistematico, gli avvistamenti, numerosissimi, si concentrano in Emilia, in Romagna e nel Veneto, ma si hanno avvistamenti persino da Ventimiglia (Imperia), da tutto il  Pinerolese e dal Cuneese, da Genova e La Spezia e da Milano, Varese e Bolzano da un lato, da Roma, Perugia, Firenze, Arezzo e Ancona dall’altro.

Sta giungendo anche un certo numero di riprese video/fotografiche attendibili, in particolare dalla stazione di un astrofilo di Cuneo, Paolo Demaria, da altre stazioni dell’IMTN (Italian Meteor and TLE Network), in particolare quelle di Casteggio (Pavia) e di Contigliano (Rieti), da Ferrara e dalla stazione di Rovigo della rete PRISMA per la sorveglianza sistematica di meteore e atmosfera (che mostra una durata fenomenica di 7-8 secondi) e dall’Osservatorio di Asiago Cima Ekar del Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Padova.

Riprese combinate della rete PRISMA dal pisano, da Piacenza e da Rovigo indicano che il corpo è transitato probabilmente sulla verticale del Veneto, ma ancora è presto perché si disponga di una valutazione esatta.

Il 2 giugno, anche la Sezione Meteore dell’Unione Astrofili Italiani ha pubblicato una sua valutazione preliminare relativa alla dinamica del fenomeno. Il meteoroide dovrebbe in effetti essere transitato sulla Romagna e sul Veneto sud-orientale, dove si sarebbe frammentato. Non è da escludere che alcuni frammenti possano aver raggiunto il suolo fra la zona di Berra (Ferrara) e quella di Adria (Rovigo).

Chiunque avesse scorto il fenomeno, che pur non avendo natura anomala è per noi d’interesse, è pregato di scriverci riportando tutti i dettagli possibili a cisu@ufo.it, oppure di compilare in tutte le sue parti il nostro Questionario d’avvistamento.

Si ringraziano per la collaborazione Sofia Lincos – CICAP e Roberto Labanti – CICAP/ CISU.

[il testo della presente notizia è stato modificato l’ultima volta alle 15.28 di venerdì 2 giugno 2017]