20 marzo 2024: La prima giornata europea degli UAP? – Parte 1

Mercoledì 20 marzo 2024, il Parlamento europeo ha ospitato a Bruxelles un meeting sui Fenomeni Anomali Non Identificati (abbreviato UAP, o PAN in francese). L’evento, il primo sugli UFO al Parlamento europeo in oltre 30 anni, è stato organizzato su iniziativa dell’eurodeputato Francisco Guerreiro, membro del gruppo politico dei Verdi (Greens/EFA). Tra i relatori e i partecipanti registrati, una dozzina di organizzazioni ufologiche europee e internazionali, presenti o rappresentate, si sono riunite in una sala del parlamento europeo. Quasi 150 persone hanno seguito le discussioni online. Quale seguito possiamo aspettarci o immaginare da questa giornata memorabile? “Il mio lavoro come membro del Parlamento europeo si concentra sulla creazione di un sistema europeo unificato, per il monitoraggio, la raccolta e l’analisi dei dati sugli UAP. L’Unione Europea, composta istituzionalmente da 27 Stati membri, non ha un sistema di questo tipo. Di conseguenza, migliaia di cittadini e professionisti esperti non sanno o non si sentono sicuri nel segnalare eventi che non riescono a spiegare”, ha dichiarato l’eurodeputato Francisco Guerreiro nella sua introduzione all’evento “Fenomeni anomali non identificati, spazio aereo dell’UE: segnalazione e valutazione scientifica” che si è tenuta il 20 marzo 2024 presso il Parlamento europeo a Bruxelles. (1) Questo politico portoghese indipendente, femminista, vegano, figlio di un biologo e molto impegnato per il benessere degli animali, la causa LGBT e contro ogni forma di discriminazione, siede come membro del gruppo Verde/EFA al Parlamento europeo e nelle commissioni Pesca, Agricoltura, Bilancio e Mercato interno del Parlamento europeo. (2) Sul tema degli UAP, Francisco Guerreiro era inizialmente molto scettico, come ha riconosciuto in numerose occasioni. Fino ad allora, gli UAP non erano stati un problema per questo rappresentante, uno dei 21 eurodeputati portoghesi al Parlamento europeo. La questione non sembrava né importante né credibile. Per Guerreiro, tutto è iniziato con le audizioni del Congresso degli Stati Uniti nella primavera del 2023. Queste discussioni pubbliche, ufficiali, bicamerali e bipartisan hanno attirato la sua attenzione, mostrandogli che al di là dell’Atlantico la questione non solo era presa sul serio, ma era anche altamente politica e ampiamente trattata dai media nazionali. L’opinione di Francisco Guerreiro sugli UAP a quel punto è cambiata. L’incontro con il team della Coalizione UAP dei Paesi Bassi ha rafforzato il suo nuovo punto di vista: “Tutto il mondo ne parla, il Congresso degli Stati Uniti se ne è occupato, ma nell’UE non ho ancora sentito alcun dibattito in merito” ha dichiarato. (3) Così Francisco Guerreiro ha iniziato a porre domande, prima di tutto per iscritto, sotto forma di interrogazioni parlamentari rivolte ai servizi della Commissione. La Commissione era tenuta a rispondere per iscritto a tali interrogazioni scritte entro un massimo di sei settimane.    

PRIMA LE DOMANDE SCRITTE DEL MEP

La prima interrogazione scritta di Francisco Guerreiro è stata pubblicata il 28 luglio 2023. È stata protocollata nei giorni successivi alle audizioni della Sottocommissione per la Sicurezza Nazionale della “Commissione per la Supervisione e la Responsabilità della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti”, dell’ex ufficiale dei servizi segreti dell’Aeronautica Militare David Grusch, dell’ex comandante della Marina Militare David Fravor e di Ryan Graves, direttore esecutivo di Americans for Safe Aerospace (ASA, la prima associazione statunitense dedicata agli UAP e guidata da un ex ufficiale militare, tenente e pilota di F-18 con oltre 10 anni di servizio nell’Aeronautica Militare). La domanda di Guerreiro alla Commissione riguardava gli eventuali rapporti e protocolli europei esistenti sugli UAP. In particolare è stato chiesto “la Commissione dispone di conoscenze o di documentazione raccolta dagli Stati membri o dalle agenzie dell’UE, come l’Agenzia dell’Unione europea per il programma spaziale?”. E ancora “L’Agenzia europea per la difesa (EDA) ha rapporti sugli UAP e l’EDA ha protocolli interni per ricevere rapporti sugli UAP dagli Stati membri in modo trasparente e responsabile?” – “L’Agenzia dell’Unione Europea per la Sicurezza Aerea (EASA) dispone di rapporti sugli UAP e di protocolli interni per ricevere rapporti sugli UAP da parte di piloti e operatori radar? (4) Il 9 novembre 2023, poco più di tre mesi dopo (invece delle sei settimane massime previste dal Regolamento del Parlamento europeo), la Commissione ha dato prova della sua ignoranza per voce del commissario francese Thierry Breton, le cui competenze comprendono lo spazio e la difesa. Egli ha sottolineato, ad esempio, che l’EDA “non possiede alcun documento che corrisponda al tema dei fenomeni anomali non identificati (UAP)“. O, ancora, che “la raccolta di conoscenze o documentazione sui fenomeni anomali non identificati non è comunque uno degli obiettivi del Programma spaziale dell’UE, attuato dall’Agenzia dell’Unione europea per il programma spaziale (EUSPA)”. (5)  Il 31 gennaio 2024, Guerreiro ha presentato altre due interrogazioni scritte alla Commissione. Una riguarda l’aggiornamento del regolamento UE sull’aviazione civile per includere la rendicontazione degli UAP (6), l’altra il monitoraggio e la rendicontazione degli UAP nella legge spaziale dell’UE (7). All’interrogazione sull’aviazione civile ha risposto undici settimane dopo la rumena Adina-Iona Valean, commissario europeo per i trasporti. Questa risposta dell’11 aprile 2024 – che sottolinea che le conclusioni dello studio di valutazione del regolamento sull’aviazione civile, pubblicato nel 2020, non menzionano la necessità di tenere conto degli UAP – è in linea con le precedenti dichiarazioni della Commissione, che afferma di non sapere e di non voler sapere nulla su UFO, UAO (Unidentified Aerial Objects) e UAP…(8). La risposta del commissario francese Thierry Breton, pubblicata infine il 23 aprile, cerca di chiudere il dibattito: “L’inclusione del sistema di segnalazione dei fenomeni anomali non identificati (UAP) va oltre le capacità tecnologiche dell’UE e la base giuridica della legislazione. Il settore degli UAP è considerato una competenza degli Stati membri, che consente loro di affrontare questi fenomeni in base alle esigenze di sicurezza nazionale (…). Non è quindi incluso nell’ambito dei servizi di sorveglianza e tracciamento spaziale (SST) dell’UE né nelle attività relative agli oggetti in prossimità della Terra (NEO)”. (9) Tra l’altro, il 9 aprile 2024, la Commissione europea ha anche annunciato che qualsiasi futura proposta di legislazione spaziale sarà pubblicata, al più presto, nell’autunno del 2024. (10)

INTERVENTO IN PLENARIA DELLA DURATA DI UN MINUTO

Torniamo al Parlamento europeo. Appena una settimana dopo le due interrogazioni scritte del 31 gennaio, l’eurodeputato Guerreiro ha preso la parola sul tema degli UAP in una sessione plenaria a Strasburgo. Questo intervento pubblico sull’argomento, il primo videoregistrato, ha fatto scalpore e ha reso Francisco Guerreiro famoso tra le reti ufologiche paneuropee e internazionali. Il suo discorso del 5 febbraio 2024, della durata di un minuto, è stato molto semplice: ha passato in rassegna il progetto di legislazione spaziale europea, facendo un collegamento con i dibattiti negli Stati Uniti e sottolineando la minaccia alla sicurezza rappresentata dall’assenza di relazioni europee sulla questione UFO. Nel suo discorso mirato egli ha sostenuto gli emendamenti che ha presentato. Un secondo intervento è seguito alla sessione plenaria successiva, l’11 marzo, il giorno dopo la pubblicazione del rapporto AARO. Un rapporto pubblico che Guerreiro, citando Luis Elizondo, ha definito “intenzionalmente disonesto, impreciso e pericolosamente fuorviante”. 

 “Per me e per molti altri, una cosa sembra razionale e ovvia: qualcuno sta nascondendo qualcosa, e non sono quelli che stanno cercando le risposte” ha dichiarato. (11) (12)  Una dozzina di interviste, metà delle quali trasmesse in podcast, hanno accompagnato a febbraio e marzo 2024 la copertura mediatica degli interventi dell’eurodeputato Francisco Guerreiro.(13) Il suo feed X (ex-Twitter) comprende una dozzina di tweet sugli UAP. I suoi video del 5 febbraio (83.500 visualizzazioni, 451 Mi piace e 170 ReTweet) e ancora di più quelli dell’11 marzo (138.000 visualizzazioni, 969 Mi piace, 351 ReTweet) hanno fatto audience. A questo podio è seguito l’annuncio dell’evento del 20 marzo (76.000 visualizzazioni, 376 Mi piace e 174 ReTweet) e il suo replay, pubblicato il 21 marzo (72.600 visualizzazioni, 724 Mi piace, 220 ReTweet).(14) (15) (16) (17) L’argomento UFO “è un buzz”, popolare e unificante, utilizzando tag come #UFOTwitter e #UFOx. I maggiori influencer UFO americani hanno sostenuto l’europarlamentare, ma che dire del suo impatto politico?

UN CENNO ALLA PROPOSTA DI RISOLUZIONE INDIVIDUALE

L’11 marzo è anche il giorno in cui il Parlamento europeo registra la risoluzione presentata da Francisco Guerreiro sugli UAP. Questa proposta di risoluzione individuale riguarda l’aggiornamento del regolamento UE sulla segnalazione, l’analisi e il monitoraggio degli eventi nell’aviazione civile per includere le segnalazioni di fenomeni anomali non identificati. (18) Si tratta del regolamento n. 376/2014, che riguarda solo l’aviazione civile e non la legislazione sullo spazio.

Francisco Guerreiro non è nuovo a questo approccio, una leva politica che ha già utilizzato per chiedere “l’istituzione di un progetto pilota per il reddito universale in tutta l’UE”. Ma anche per “la creazione di un meccanismo di finanziamento della Palestina”. (19) Si tratta di uno strumento previsto dal Regolamento del Parlamento che ogni deputato può sfruttare… con il rischio di rimanere isolato! “Ai sensi dell’articolo 143 del regolamento del Parlamento, ogni singolo deputato può presentare una proposta di risoluzione su una questione che rientra nelle sfere di attività dell’UE”, spiega il Parlamento europeo sul suo sito web. Le mozioni ricevibili sono deferite alla commissione competente, che decide se dare seguito alla proposta di risoluzione e, in caso affermativo, quale procedura seguire”. La proposta di risoluzione sarà assegnata alla commissione Trasporti (TRAN)? E in particolare, sarà esaminata entro giugno 2024? O sarà respinta a priori dai coordinatori del TRAN? L’ufficio di Francisco Guerreiro ancora non lo sa.  

NESSUN RISULTATO POLITICO DA RIVEDERE?

Cosa dire di questa incursione dei domini UFO / UAP nel Parlamento europeo? Un emendamento sulla legislazione spaziale europea che gli altri deputati non hanno accettato? Interrogazioni scritte alle quali la Commissione risponde ripetutamente di non avere informazioni in merito? I riflettori puntati su un nome falsamente “nuovo”: “Unknown Airborne Objects” (UAO), una nomenclatura utilizzata dalla CIA già nel 1950 in un memo, il cui acronimo ricorda anche gli “Unconventional Aerial Objects” dell’era APRO negli anni 60 e 70? Una risoluzione individuale, soggetta alla buona volontà del Presidente del Parlamento europeo? Di fronte a questi risultati, il curriculum dell’eurodeputato Francisco Guerreiro sembra tutt’altro che positivo. Ma la verità, come sappiamo, è là fuori. Per me sono evidenti diverse cose. La prima è che Francisco Guerreiro è riuscito a suscitare un dibattito. Le sue manovre per politicizzare la questione UAP, cioè per riportarla in auge all’interno del Parlamento europeo – nonostante l’assenza di un’agenda legislativa dedicata – sono riuscite a sfruttare l’intera gamma di strumenti e mezzi istituzionali a sua disposizione: interrogazioni scritte, tempo di dibattito in plenaria, organizzazione di workshop, risoluzioni individuali. L’uso dei social network, rivolgendosi alle comunità UFO e agli influencer direttamente online, ha permesso all’eurodeputato portoghese “di creare un buzz”, cioè di guadagnare e imporre visibilità sul tema, aggirando così il disconoscimento che i suoi colleghi e i rappresentanti del Parlamento europeo hanno subito. Ottenendo e imponendo visibilità sull’argomento e aggirando così il licenziamento che i suoi colleghi e i rappresentanti delle istituzioni europee gli hanno formalmente rivolto. Un altro punto molto importante, che a mio avviso sarà ricordato dalla storia, è l’indiscutibile sostegno politico di Guerreiro ai testimoni di ogni ambito, passati, presenti e futuri. Questo impegno contro la stigmatizzazione dei testimoni e delle loro storie è in linea con la lotta dei Verdi europei per la dignità di ogni individuo e contro la discriminazione. Si tratta di rispettare i diritti fondamentali. Nessuno nell’Unione europea, compresi i testimoni e i contatti UAP, deve essere sottoposto a molestie o trattamenti degradanti. Soprattutto, al di là di ogni decifrazione della strategia di influenza e della dichiarazione politica a favore dei diritti umani fondamentali – una posizione costante dell’eurodeputato Francisco Guerreiro – la cosa più importante per me è là fuori – è l’emergere di una lobby UFO in Europa.  (continua nella parte 2)  

NOTE E RIFERIMENTI

(1) «UAP: Reporting and Scientific Assessment in the European Parliament» on 20 March 2024, EuroUFO, published on 22 March 2024, https://www.youtube.com/watch?v=puUeTG8_ctw&t=1s

(2) https://www.europarl.europa.eu/meps/en/197645/FRANCISCO_GUERREIRO/home

(3) https://www.msn.com/en-ie/news/world/ufos-over-europe-inside-the-eu-s-first-conference-on-unidentified-aerial-phenomena/ar-BB1kuS4I

(4) https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-9-2023-002375_EN.html

(5) https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-9-2023-002375-ASW_EN.html

(6) https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-9-2024-000314_EN.html

(7) https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-9-2024-000318_EN.html

(8) https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-9-2024-000314-ASW_EN.html

(9) https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/E-9-2024-000318-ASW_EN.html

(10) https://www.euractiv.com/section/industrial-strategy/news/thierry-breton-says-european-space-law-might-be-presented-after-the-summer/

(11) https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/CRE-9-2024-02-05-INT-1-203-0000_EN.html

(12) https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/CRE-9-2024-03-11-INT-1-227-0000_EN.html

(13) https://www.franciscoguerreiro.eu/pt/entrevista

  Traduzione di Matteo Marrocu

 

 

Charles-Maxence Layet

Assistente parlamentare europeo tra il 2009 e il 2024,  Charles-Maxence Layet è uno scrittore e giornalista scientifico freelance, specialista di nuove tecnologie energetiche, caporedattore ed editore del volume “Orbs Special Contact” dedicato agli UFO e all’ipotesi extraterrestre. Il suo percorso si concentra principalmente sulla dimensione umana del fenomeno UAP.

Quando i fumetti incontrano gli UFO ad Alessandria

Ancora prima dell’arrivo dei “dischi volanti”, alcune storie a fumetti di genere avventuroso sono state illustrate con fantasiose astronavi dai nomi esotici, come “giroscopi”, “cronosfere” e “autogiri”. Ma il primo fumetto italiano in cui i dischi volanti sono chiamati col loro nome è un episodio  de “L’invincibile Dan” nel luglio 1948, anche se una storia interamente dedicata a quel mistero apparirà in Italia solo nel 1950, ad opera di Onofrio Bramante.

Avete idea di quante storie apparse su storici periodici a fumetti, quali Il Vittorioso, Il Corriere dei Piccoli e Il Giornalino ma anche Mandrake e Nembo Kid, hanno contenuti “alieni”? Anche l’universo Disney è stato “invaso”, a partire da “Paperino e i piatti volanti” nel 1952. UFO e alieni non restano relegati ai giornaletti per ragazzi, ma irrompono anche in generi letterari per adulti, compresi i fumetti horror ed erotici. Tra le opere che hanno recepito queste tematiche, il capolavoro argentino L’Eternauta, e numerosi manga, i fumetti di produzione nipponica, tra cui “Goldrake”, da noi noto come “Atlas Ufo Robot”, riproposto nell’omonima serie animata per la Tv.

A cimentarsi con UFO ed extraterrestri ritroviamo, oltre tutti i generi di “supereroi”, anche grandi autori come Mino Milani, Hugo Pratt e Guido Crepax. Da ricordare inoltre Alfredo Castelli, non solo per Martin Mystère, e di conseguenza gli altri personaggi bonelliani, sino all’insospettabile Tex.

Per percorrere un secolo di “contaminazioni” aliene, il Centro Italiano Studi Ufologici (CISU) propone presso il Museo Etnografico “C’era una volta”  (in Piazza della Gambarina 1, ad Alessandria) la mostra “Fumetti dell’altro mondo – Le nuvole parlanti incontrano gli UFO”, un viaggio fantastico nella “nona arte” con rari esemplari di fumetti italiani e di tutto il mondo, dal 24 maggio al 30 giugno 2024.

Inaugurazione venerdì 24 maggio alle ore 18.00 

Domenica 9 giugno alle ore 17.00 conferenza
“UFO e alieni: la storia a fumetti”
con Laura Bonato e Paolo Toselli

Ingresso libero tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 19.00

GLI UAP AL PARLAMENTO EUROPEO

Il 20 marzo si è svolto, dalle 16 alle 18, l’atteso incontro presso il Parlamento Europeo per presentare il fenomeno UFO/UAP e i motivi per un interesse e coinvolgimento delle istituzioni europee.

Presentati dall’europarlamentare portoghese Francisco Guerreiro, si sono succeduti cinque relatori che hanno illustrato i vari aspetti del fenomeno e del suo studio, con riferimenti alle commissioni ufficiali statunitensi e alla problematiche legate alla sicurezza del volo, come sottolineato dai due piloti  presenti.

Si è trattato di un evento “storico” per l’ufologia privata europea, che ha avuto modo di presentarsi al massimo livello istituzionale e uscire dall’alone di discredito che da sempre la circonda.

E’ evidente che si tratta di un primo, piccolo passo per arrivare a collaborazioni concrete, a coinvolgimenti costanti e coordinati, ma l’importanza dell’evento è evidente e, più che alla recente udienza presso la Camera dei Rappresentanti negli USA,  fa tornare alla mente la famosa sessione presso le Nazioni Unite nel 1978, con la presenza attiva degli ufologi  Allen Hynek e Jacques Vallée.

Avremo modo di riportare ampiamente le relazioni e il dibattito che ha concluso l’incontro, oltre che le reazioni e le prospettive di sviluppo.

Per ora presentiamo il testo di Edoardo Russo che, parlando a nome di tutti gli ufologi europei, ha sintetizzato la storia e la situazione degli UAP nel nostro continente ed  i motivi per i quali l’argomento ha una sua rilevanza, a vari livelli.

 

Fenomeni anomali non identificati – Il contesto storico dell’UE

di Edoardo Russo

Gli UAP non sono un fenomeno solo americano. È sempre stato un fenomeno globale, con avvistamenti e testimonianze da tutto il mondo, e l’Europa è sempre stata in una posizione centrale per quanto riguarda gli avvistamenti, anche prima che il pubblico americano scoprisse i “dischi volanti” nell’estate del 1947: la prima ondata di fenomeni aerei non identificati nel dopoguerra furono i “razzi fantasma” sulla Scandinavia (ma anche su Italia e Grecia) nel 1946.

E le testimonianze europee sono tante: parliamo di milioni di persone. I sondaggi d’opinione alla domanda “pensi di aver visto un UFO” hanno ottenuto nei vari in diversi paesi europei una media del 6,5% di “sì”, che ammontano a ben 29 milioni di testimoni solo per i paesi dell’Unione Europea.

Ma non tutti i testimoni riferiscono le loro segnalazioni: le nostre stime sono che meno di 1 testimone su 100 si fa avanti e segnala il proprio avvistamento, dal momento che i database dei casi raccolti dalle organizzazioni civili UAP comprendono attualmente circa 170.000 segnalazioni dal Portogallo all’Ucraina, dalla Norvegia a Malta: un numero più alto rispetto ad analoghe raccolte di dati negli USA.

I fenomeni aerei non identificati non sono regolari nelle loro apparizioni: le segnalazioni di avvistamenti arrivano a ondate, con anni ricchi e anni poveri. La prima grande ondata di avvistamenti avvenne nella primavera del 1950 e fu veramente europea, coinvolgendo diversi paesi (Belgio, Italia, Spagna, Regno Unito). Un “panico da UAP” ancora più grande si verificò nell’autunno del 1954, con migliaia di casi concentrati principalmente sulla Francia e un clamore mediatico senza precedenti. Nel 1967 fu il Regno Unito, nel 1968 la Spagna, nel 1973 l’Italia, nel 1974 la Francia e così via: importanti ondate di avvistamenti di UAP si sono verificate nella maggior parte dei paesi europei negli ultimi 75 anni. Il mio paese, l’Italia, ha subito una “ondata UAP” così forte alla fine del 1978 che i pescatori si rifiutarono di uscire a pescare, furono inviate pattuglie di polizia a fotografare strane luci, furono presentate interrogazioni parlamentari e il governo incaricò l’Aeronautica Militare italiana di avviare una raccolta formale di testimonianze del pubblico. Anche se il 90-95% di tutti questi UAP viene successivamente identificato e spiegato con fenomeni naturali conosciuti o con oggetti artificiali noti (e questa è proprio l’attività di base di noi “investigatori UAP”), ci rimane un piccola (ma non trascurabile) residuo di casi anomali, per un totale di migliaia di “fenomeni aerei non identificati” in senso stretto su scala europea.

Cosa vedono le persone? La maggior parte degli avvistamenti riguarda luci distanti nel cielo notturno (75%) o oggetti volanti diurni distanti (15%), e questi sono quelli più facili da identificare con cause note. Ma abbiamo anche rapporti con maggiore stranezza e maggiore credibilità come incontri ravvicinati (10%); avvistamenti in volo di piloti militari, civili o privati (1%); effetti fisici temporanei o tracce al suolo (2%); rilevamenti radarici (per non parlare degli oggetti subacquei non identificati).

E ci sono effetti sociali collaterali, che sono stati oggetto di studi accademici da parte di psicologi, sociologi, antropologi. Anche se non possiamo parlare in questa sede  delle vere e proprie situazioni di panico che ci sono state, ci ritroviamo con un gran numero di persone che si chiedono cosa hanno visto, che hanno diritto a una risposta (se ce n’è una) ma non riescono a trovare nessuno ufficialmente incaricato di fornirne, e sono schiacciati tra chi dice loro “eravate ubriachi” e chi crede si tratti di visitatori extraterrestri. Sono solo le organizzazioni private che si prendono carico di quelle persone e delle loro testimonianze, cercando di trovare e offrire quelle risposte ai testimoni: sono (siamo) volontari non retribuiti che lo fanno per passione.

All’interno dell’Unione Europea ci sono alcune centinaia di studiosi privati seri dell’argomento, che cercano di applicare un approccio scientifico. E ci sono decine di associazioni razionali, una in quasi ogni paese europeo, alcune di loro attive da decenni, la maggior parte delle quali coopera all’interno di una rete ufologica europea (EuroUfo.net).  Per non dire che il più grande  archivio ufologico esistente al mondo si trova  in un paese europeo: la Svezia.

I militari: tradizionalmente raccolgono rapporti UFO/UAP nell’ambito della loro missione di controllo e difesa dello spazio aereo di ogni nazione. La maggior parte, se non tutti i paesi europei, hanno avuto i propri archivi militari di segnalazioni  (per lo più militari), proprio come negli Stati Uniti. E una decina di loro hanno declassificato o aperto i loro file UAP in tutto o in parte, per un totale di diverse migliaia di rapporti ora disponibili.

Per quanto riguarda le organizzazioni non militari ma comunque pubbliche che raccolgono e analizzano le segnalazioni di UAP, l’unica (non solo in Europa ma nel mondo) si trova in Francia: nel 1977 il Centro Nazionale di Studi Spaziali (CNES) ha creato un Gruppo di Studio sui Fenomeni Aerospaziali  Non Identificati (GEPAN, ora GEIPAN), che  non solo è ancora attivo ma offre proprio questo servizio al pubblico francese: raccogliere le testimonianze e cercare di identificare le cause, offrendo risposte al pubblico.

E la politica? Naturalmente è stata coinvolta fin dall’inizio: nella maggior parte dei paesi europei sono state presentate interrogazioni parlamentari almeno a partire dal 1950. E anche il Parlamento Europeo ne ha ricevute. Il coinvolgimento più massiccio si ebbe dopo che in Belgio alla fine del 1989 si verificò un’imponente ondata di avvistamenti di “triangoli volanti” e un deputato belga (Elio Di Rupo) ottenne che fosse aperta un’indagine in seno alla Commissione Energia, Ricerca e Tecnologia, la quale  incaricò un famoso scienziato ed eurodeputato, Tullio Regge, a svolgere quel lavoro e preparare una proposta, tra il 1991 e il 1993. La sua proposta di risoluzione era quella di dare al GEPAN francese uno status europeo, ma per alcune obiezioni politiche e un interesse politico troppo basso non ebbe successo. Da allora non è seguito alcun coinvolgimento concreto del Parlamento europeo. Fino ad oggi.

– – –

Una registrazione della presentazione, illustrata e sottotitolata in lingua italiana, è visionabile a questo link sul nostro canale YouTube.
La versione integrale del testo, completa di note e bibliografia, è scaricabile da qui.

Incontro sugli UFO/UAP al Parlamento Europeo: un italiano tra i relatori

—  COMUNICATO STAMPA  —

Il prossimo 20 marzo si terrà a Bruxelles, presso il Parlamento Europeo, un briefing rivolto agli europarlamentari sul problema degli UAP (Unidentified Anomalous Phenomena).

Ad organizzare l’evento è stato l’eurodeputato portoghese Francisco Guerreiro, del gruppo dei Verdi (Verts/ALE), che il 31 gennaio 2024 aveva già presentato un’interrogazione per chiedere come mai, nell’ambito nel nuovo programma spaziale europeo, non si tenesse conto dell’analisi delle osservazioni di UAP ai fini della sicurezza e sorveglianza legata alle missioni spaziali.

Promotore dell’incontro è stato il gruppo ufologico olandese UAP Coalitie Netherland, di recente costituzione, che si sta adoperando per attivare anche in Europa meccanismi di analisi e studio sugli UAP sul modello di quelli esistenti negli Stati Uniti.

Dal 2019, infatti, l’amministrazione americana ha ripreso ad occuparsi ufficialmente di UFO/UAP tanto da costituire nel 2022 presso il Dipartimento della Difesa una commissione di studio, l’AARO (All-domain Anomaly Resolution Office), che sta raccogliendo ed analizzando le segnalazioni di eventi anomali nell’ambito delle forze armate e del personale dell’amministrazione USA.

Il briefing del 20 marzo, rispetto ad altre iniziative precedenti, rappresenta un’importante novità perché saranno coinvolti anche i ricercatori privati, gli “ufologi”, per sensibilizzare gli eurodeputati su un argomento che, se è tornato di stringente attualità dopo i casi dei palloni-spia stratosferici osservati sui cieli statunitensi, in realtà da decenni è seguito da associazioni di studiosi.

A fare da portavoce degli ufologi europei è stato chiamato un italiano, Edoardo Russo, membro del collettivo EuroUFO e dell’iniziativa internazionale UAP Check, dirigente del Centro Italiano Studi Ufologici che da quasi quarant’anni si occupa di studiare il fenomeno UFO in modo serio e razionale.

Russo avrà il compito di presentare lo scenario europeo e l’impatto che gli UAP hanno sull’opinione pubblica sia a livello di segnalazioni, sia di curiosità ed interesse: «Ci sono milioni di cittadini europei che hanno osservato fenomeni non identificati, che si chiedono cosa hanno visto e che hanno tutto il diritto di ricevere delle risposte adeguate dalle autorità».

«Al momento» – aggiunge Russo – «sono solo le organizzazioni private, costituite da volontari e appassionati, che si fanno carico di cercare di dare una risposta a queste testimonianze. Un coinvolgimento degli enti pubblici europei in questo tipo di attività potrebbe fornire i mezzi e le competenze per dare al pubblico le adeguate informazioni».

Non è però la prima volta che le istituzioni di Bruxelles si occupano di UFO. Alla fine del 1990, in seguito ad una serie di osservazioni in Belgio, il deputato belga Elio Di Rupo ottenne che il Comitato per l’Energia, la Ricerca e la Tecnologia valutasse la possibilità di creare un organismo di studio del fenomeno. Ad occuparsi della cosa fu incaricato il fisico Tullio Regge (all’epoca parlamentare europeo) che nel 1993 avanzò la proposta di incaricare il Gruppo di Studio sui Fenomeni Aerospaziali Non identificati (GEPAN, oggi GEIPAN), creato nel 1977 in seno al Centre National d’Etudes Spatiales (CNES), elevando le sue competenze a livello europeo. Nel 1994 però la legislatura arrivò al suo termine e la proposta non ebbe seguito.

E’ invece di questi giorni la proposta di risoluzione presentata da Francisco Guerreiro per creare un meccanismo istituzionale europeo per la raccolta e valutazione delle osservazioni di “fenomeni anomali non identificati”.

 

Europarlamento: una proposta di regolamento europeo per indagare gli UAP/UFO

L’europarlamentare portoghese Francisco Guerreiro, nell’ambito delle sue iniziative volte a sensibilizzare le istituzioni europee sul problema delle ossservazioni di fenomeni anomali, oltre all’annunciato briefing del 20 marzo, ha presentato una proposta per la raccolta e lo studio delle segnalazioni UAP in Europa.

Con il suo attivismo sul tema, Guerreiro  sta cercando di riportare in ambito europeo le istanze che negli Stati Uniti hanno condotto alla creazione dell’AARO (All-domain Anomaly Resolution Office) presso il Pentagono, facendo però leva non solo sulla sicurezza del volo in ambito civile (il tema delle intrusioni in settori aerei militari sembra meno significativo, qui in Europa) ma anche sulla necessità di dare risposte rispetto alle osservazioni di fenomeni non identificati.

Anche se il Parlamento Europeo si era già occupato di UFO, è la prima volta dal 1994 che viene avanzata una vera e propria proposta di legge. E’ evidente che oggi, agli sgoccioli della legislatura, si tratta più che altro di un modo per sollevare il problema, ma c’è da augurarsi che il tema venga ripreso concretamente in futuro.

Per illustrare i termini della proposta, riportiamo il testo pubblicato da UAP Check a firma  di Andreas Müller, giornalista e scrittore tedesco, capo-redattore del sito web Grenzwissenschaft Aktuell e autore di due libri sui “veri X-Files UFO in Germania”.

 

Presentata al Parlamento europeo la risoluzione per un regolamento europeo per le indagini sugli UFO

Il membro portoghese dell’Europarlamento Francisco Guerreiro ha presentato formalmente una proposta di risoluzione per la segnalazione, la raccolta e la valutazione degli avvistamenti civili di UAP

Dopo che il deputato dei Verdi Francisco Guerreiro ha richiesto una procedura coordinata di segnalazione e di indagine degli oggetti anomali non identificati nello spazio aereo (UAP/ex UFO) in tutta Europa, il politico ha ora presentato formalmente una proposta di risoluzione per la segnalazione, la raccolta e la valutazione civile degli avvistamenti di UAP.

Il rappresentante portoghese ha sempre sostenuto un nuovo approccio, altrettanto serio e scientifico, alla questione degli oggetti volanti non identificati nel contesto della sicurezza dei voli e dell’interesse scientifico per questi fenomeni attraverso l’impegno parlamentare. Di recente, in un discorso tenuto durante la sessione plenaria del 5 febbraio 2024, Guerreiro aveva già richiesto ciò che ora ha formalmente presentato.

Sotto il riferimento documentale “B9-0194/2024” del Parlamento Europeo, la risoluzione di Guerreiro dell’11 marzo si presenta come segue:

 

MOZIONE DI RISOLUZIONE

ai sensi dell’articolo 143 del regolamento sul l’aggiornamento della regolamentazione UE sulla segnalazione, l’analisi e il follow-up degli eventi nell’aviazione civile, per l’inclusione della segnalazione degli UAP

+B9-0194/2024
Mozione per la risoluzione del Parlamento Europeo sull’aggiornamento del regolamento UE sulla segnalazione, l’analisi e il follow-up degli eventi nell’aviazione civile per l’inclusione della segnalazione degli UAP

Il Parlamento Europeo, visto l’articolo 143 del suo regolamento

  1. considerato che i fenomeni anomali non identificati (UAP) rimangono un argomento stigmatizzato, che spesso inibisce la raccolta e l’analisi metodica dei dati da parte della comunità scientifica;
  2. considerato che un numero significativo di eventi UAP, inclusi molti avvistamenti di prima mano da parte dei piloti di linea e degli equipaggi, rimane inspiegato o non segnalato;
  3. considerato che il Regolamento (UE) 376/20141 permette solo ai professionisti dell’aviazione di segnalare questioni relative alla sicurezza;
  4. considerato che legislatori bipartisan negli Stati Uniti, hanno proposto una nuova legislazione (disegno di Legge HR6967, Safe Airspace for Americans Act) per proteggere i piloti civili e il personale di aviazione che segnala avvistamenti di UAP;
  • Ritiene che l’UE dovrebbe proporre linee guida per una metodologia comune di segnalazione e analisi degli avvistamenti di UAP, che potrebbe risultare in un database e un repository armonizzati dell’UE e quindi consentire uno scambio tecnico di informazioni tra gli stati membri;
  • Chiede alla Commissione di proporre l’aggiornamento della legislazione attuale, vale a dire del Regolamento (UE) 376/2014, per includere un meccanismo per la segnalazione e l’analisi dei dati coerente, trasparente e libero da pregiudizi riguardo gli UAP nello spazio aereo dell’UE, incluso quando tali eventi non presentano alcun rischio di sicurezza apparente e immediato per gli aerei coinvolti.

Quando e se ci si possa aspettare un dibattito o addirittura un voto su tale materia non è attualmente noto.

[Traduzione di Matteo Marrocu]

GLI UAP AL PARLAMENTO EUROPEO – PARTE 2

L’argomento UFO è tornato di recente al Parlamento europeo, ma non è un fatto nuovo. Questa interazione ha i suoi alti e bassi da più di 30 anni. Ecco la storia completa

(segue dalla Prima parte)

LE INTERROGAZIONI PARLAMENTARI

Interrogazione del 31 gennaio 2024

L’interrogazione più recente è quella del 31 gennaio 2024, in cui l’eurodeputato Francisco Guerreiro (Verdi/ALE, Portogallo) fa riferimento alla previsto nuovo programma spaziale dell’UE, che prevede “norme comuni dell’UE sulla sicurezza, la resilienza e la sostenibilità delle attività e delle operazioni spaziali“. Guerreiro sottolinea la mancanza di un processo di notifica per i PAE che considera un problema di sicurezza. Egli ha formulato quindi la seguente domanda al Parlamento europeo:

1 – Perché i lavori preparatori per la legge spaziale dell’UE (EUSL) non includono un sistema di monitoraggio e notifica degli UAP, dato che questi ultimi possono rappresentare una potenziale minaccia per la sicurezza e che tali fenomeni sono stati osservati nello spazio da personale addestrato che utilizza strumenti di precisione?

2 – Si ritiene che gli UAP debbano essere esplicitamente trattati nel servizio di sorveglianza e tracciamento spaziale (SST), nel piano di ricerca e sviluppo SST e nel servizio per gli oggetti vicini alla terra (NEO)?

3 – L’EUSL intende prevedere (in modo simile alla NASA) un programma di ricerca spaziale UAP dell’UE guidato da un direttore di ricerca?

La Commissione europea non ha ancora risposto a questa richiesta.

Interrogazione del 28 luglio 2023

Un’altra interrogazione recente risale all’anno scorso. Il 28 luglio è stata presentata un’interrogazione al Parlamento europeo in cui si chiedevano rapporti e registri degli avvistamenti UAP segnalati. L’interrogazione si riferisce alla passata audizione dell’informatore UFO David Grusch nel luglio 2023 e contiene tre domande specifiche:

1 – La Commissione è a conoscenza di informazioni o documentazione sugli UAP raccolti dagli Stati membri o dalle agenzie dell’UE, come l’Agenzia dell’Unione europea per il programma spaziale?

2 – L’Agenzia europea per la difesa (EDA) dispone di rapporti sugli UAP e ha protocolli interni per ricevere rapporti sugli UAP dagli Stati membri in modo trasparente e responsabile?

3 – Per quanto riguarda l’aviazione civile, l’Agenzia dell’Unione Europea per la Sicurezza Aerea (EASA) ha rapporti sugli UAP e dispone di protocolli interni per ricevere rapporti sugli UAP da piloti e operatori radar in modo trasparente e responsabile?

L’emiciclo del Parlamento europeo

Il 9 novembre è stata inviata una risposta a questa richiesta. La risposta fa riferimento al Programma spaziale europeo, che comprende attività di osservazione della Terra, navigazione satellitare e conoscenza della situazione spaziale. Il documento sottolinea la stretta cooperazione nel programma spaziale tra gli Stati membri dell’UE e cita il relativo regolamento che contiene componenti e obiettivi. Secondo tale regolamento:

La raccolta di conoscenze o documentazione su fenomeni anomali non identificati non è tuttavia uno di questi obiettivi.

L’Agenzia europea per la difesa (EDA) non possiede alcun documento che corrisponda al tema dei fenomeni anomali non identificati (UAP).

Poiché l’EDA non ha mai lavorato su questioni relative agli UAP, non detiene né riceve documenti corrispondenti alla descrizione fornita in questa domanda. Inoltre, l’EDA non dispone di protocolli specifici su questo tema, in quanto non rientra nelle competenze dell’EDA in materia di impegno con gli Stati membri.

L’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza aerea (EASA) e le autorità dell’aviazione civile dell’UE possono ricevere rapporti di sicurezza su oggetti aerei non identificati che possono mettere in pericolo la sicurezza dell’aviazione civile.

In base a ciò, l’UE non dispone di documenti o risultati sugli UAP. È interessante – tuttavia – il riferimento all’Agenzia europea per la sicurezza aerea e alle autorità aeronautiche dei Paesi, secondo cui possono esistere rapporti su incidenti rilevanti per la sicurezza che coinvolgono oggetti non identificati e che tali rapporti sono archiviati e analizzati a livello centrale. Non viene specificato se – e in che misura – tali rapporti possano esistere. Potrebbe essere utile fare ricerche o chiedere informazioni in merito. Per quanto riguarda la raccolta e l’elaborazione di tali rapporti da parte dell’aviazione civile, si fa riferimento al corrispondente regolamento dell’UE, nel quale, tuttavia, non si parla esplicitamente di oggetti non identificati nello spazio aereo.

Interrogazione del 16 maggio 2008

In un’interrogazione del 16 maggio 2008, l’eurodeputato Marios Matsakis (ALDE, Cipro) ha fatto riferimento alla pubblicazione di file UFO da parte del Ministero della Difesa britannico. Poiché non è stata condotta un’indagine adeguata sulle segnalazioni raccolte, ma si è registrato anche un elevato numero di avvistamenti sopra l’Europa, si chiede se la questione meriti un’indagine da parte di un servizio dell’UE:

A rischio di sembrare poco serio, posso osare chiedere se la Commissione ritiene che questo argomento meriti un esame approfondito da parte di un’autorità dell’UE, magari in collaborazione con altre agenzie di Paesi terzi (ad esempio USA e Russia)? Mi chiedo se la Commissione sia d’accordo con me sul fatto che sia giunto il momento di dedicare al tema dell’esistenza o meno degli UFO una seria attenzione.

La risposta del 25 luglio 2008 è molto breve. La Commissione ringrazia l’interrogante per aver richiamato l’attenzione sulla questione, ma osserva che:

La questione degli oggetti volanti non identificati non rientra nelle competenze della Commissione, che non ha intenzione di occuparsene.

Interrogazione del 22 gennaio 2004

Il 22 gennaio 2004 è stata presentata un’interrogazione dell’eurodeputato Sebastiano Musumeci (UEN, Italia) sulla creazione di un organismo comunitario che indaghi sui fenomeni atmosferici sconosciuti. In essa l’eurodeputato sostiene che una seria indagine sui fenomeni atmosferici sconosciuti da parte dei vari centri spaziali e di ricerca dell’UE merita un’attenzione particolare da parte della Commissione, poiché si tratta di fenomeni che non possono essere relegati alla competenza nazionale dei singoli Stati membri dell’Unione. L’eurodeputato ha chiesto:

Alla luce di quanto sopra, non ritiene la Commissione opportuno promuovere e coordinare la ricerca e l’informazione sui fenomeni atmosferici inspiegabili a livello europeo, eventualmente affidando questa responsabilità a un organismo specializzato ed esperto come il SEPRA (Service d’Expertise des Phénomènes Rares Aérospatiaux) di Tolosa o l’Agenzia Spaziale Europea?

Nella sua risposta del 1° marzo 2004, la Commissione ha innanzitutto ricordato di aver presentato nel novembre 2003 un Libro bianco intitolato “Lo spazio: una nuova frontiera europea per un’Unione in espansione”. La Commissione aveva preparato il Libro bianco in stretta collaborazione con la comunità scientifica e l’ESA. Nella sua risposta all’interrogazione parlamentare, ha fatto riferimento in particolare al piano d’azione per l’attuazione della politica spaziale europea. E infine:

Un’attività specifica che può essere di particolare interesse per l’Onorevole parlamentare riguarda un’azione lanciata di recente nel contesto del 6° Programma Quadro per la Ricerca. Questa azione mira a promuovere la cooperazione tra le agenzie nazionali di finanziamento della ricerca e le organizzazioni nazionali di ricerca europee. Essa comprende un compito specifico per la ricerca solare terrestre e atmosferica europea. Questo sforzo dovrebbe contribuire a migliorare il livello di comprensione dei fenomeni atmosferici e a fornire servizi meteorologici spaziali.

La risposta rimane molto generica rispetto all’interrogazione e non affronta specificamente l’argomento UFO o il centro di ricerca europeo per tali fenomeni.

Interrogazione del 17 marzo 1998

Una vecchia interrogazione risale al 17 marzo 1998, presentata dal deputato Eryl McNally (PSE, Gran Bretagna), sulla base di un’interrogazione scritta di un elettore. Nella lettera, il deputato fa riferimento ad avvistamenti nel Regno Unito e in Belgio e a quelle che considera risposte inadeguate da parte dei dipartimenti governativi nazionali. La lettera allude anche a un possibile insabbiamento. L’autore della lettera vorrebbe quindi informarsi sulla posizione dell’Europa in merito agli oggetti volanti non identificati. La domanda dell’eurodeputato:

Alla luce di quanto sopra, quali misure ritiene necessarie la Commissione per garantire che i cittadini europei siano rassicurati sulla loro sicurezza in relazione agli oggetti volanti non identificati? Esiste una politica europea sugli UFO o è possibile elaborare una politica esistente?

La risposta della Commissione a questa domanda è stata data il 15 aprile 1998 ed è stata molto breve, senza entrare in ulteriori dettagli:

La Commissione ritiene di non essere competente in materia.

Osservazioni conclusive

Le inchieste e le iniziative citate dimostrano che l’UE come istituzione è stata ripetutamente oggetto di inchieste sul tema dell’UAP, ma che finora non hanno prodotto risultati duraturi o sono state respinte. Solo la proposta di risoluzione del 1990 ha mostrato una discussione completa e competente sull’argomento, la cui raccomandazione di introdurre il GEIPAN come punto di contatto centrale europeo per le osservazioni sull’UAP non è stata purtroppo seguita. Resta da vedere cosa accadrà nel contesto dell’attuale politica spaziale dell’UE e se l’argomento UAP sarà ancora preso in considerazione.

[traduzione a cura di Matteo Marrocu]

  • – – –

Jochen Ickinger è uno specialista di Tecnologia dell’Informazione (IT) che indaga sugli UFO dagli anni 80, ha scritto diversi articoli ed è stato membro del consiglio direttivo di varie organizzazioni tedesche, in particolare del GEP (Gesellschaft zur Erforschung des UFO-Phänomens)

GLI UAP AL PARLAMENTO EUROPEO – PARTE 1

L’argomento UFO è tornato di recente al Parlamento europeo, ma non è un fatto nuovo. Questa interazione ha i suoi alti e bassi da più di 30 anni. Ecco la storia completa

La questione se l’argomento UAP sia stato trattato o se siano disponibili conoscenze e documenti (ufficiali) non si ferma alle istituzioni internazionali. La più nota è probabilmente l’iniziativa dello Stato caraibico di Grenada presso le Nazioni Unite, avvenuta tra il 1975 e il 1977, con lo scopo di istituire un dipartimento all’ONU per la ricerca sugli UFO, che alla fine non ha portato ad alcuna azione ulteriore. Ma ci sono state anche richieste e iniziative al Parlamento europeo sul tema degli UFO/UAP. In occasione delle prossime elezioni europee di quest’anno, i ricercatori europei di UFO stanno pensando di chiedere ai partiti e ai candidati alle elezioni come intendono affrontare la questione UAP. Tuttavia, è incerto cosa ci si possa aspettare da ciò, poiché questo argomento è probabilmente di secondaria importanza in vista di altri problemi e delle sfide attuali in Europa.

A questo punto, vorrei fornire una panoramica delle precedenti iniziative e interrogazioni alla Commissione europea e dei loro risultati. Sono note due iniziative più dettagliate e quattro interrogazioni parlamentari alla Commissione UE. L’iniziativa del 1990 ha portato a un’ampia relazione della commissione, che viene qui citata in modo dettagliato.

Il 27 novembre 2023, l’organizzazione civile olandese senza scopo di lucro “UAP Coalitie Nederland” (UAP Coalition Netherlands, UAPCN) ha presentato una proposta di estensione del programma spaziale dell’UE, attualmente in fase di revisione. L’UAPCN vede una stretta connessione tra il fenomeno UAP e la politica spaziale europea e propone di includere la ricerca e l’individuazione degli UAP. L’UAPCN espone le sue preoccupazioni in un documento di diverse pagine. Fornisce una panoramica generale, relativa soprattutto agli Stati Uniti e cita una serie di esempi di avvistamenti e video che, almeno secondo loro, sono inspiegabili o difficili da spiegare.

L’UAPCN formula poi anche delle raccomandazioni concrete. Ad esempio, gli UAP dovrebbero diventare un elemento importante nel servizio di sorveglianza e tracciamento spaziale dell’UE e, in questo contesto, fornire anche l’opportunità di analizzare e sviluppare ulteriormente le capacità dei sensori di rilevare gli UAP. Anche i dati di osservazione esistenti dovrebbero essere esaminati per individuare eventuali anomalie.

Gli UAP dovrebbero anche diventare un nuovo elemento importante dei Near Earth Object (NEO) e i dati relativi ai NEO dovrebbero essere analizzati e pubblicati. Inoltre, le osservazioni di UAP da parte di astronauti o di altro personale dell’agenzia spaziale dovrebbero essere molto più agevolate e trattate senza stigmatizzazione.

Infine, la rendicontazione degli UAP dovrebbe essere armonizzata e centralizzata all’interno degli Stati membri dell’UE, a tal fine si dovrebbe istituire un archivio centrale nell’UE per gli UAP. Non meno importante, si raccomanda la creazione di un programma di ricerca spaziale UAP presso l’UE o l’ESA, simile a quello della NASA.

La Commissione europea non ha ancora fornito alcun feedback su questa iniziativa.

Iniziativa/Mozione di risoluzione del 26 novembre 1990

Il 26 novembre 1990, l’eurodeputato belga Elio Di Rupo (PSE, Belgio) ha presentato una proposta di risoluzione sull’istituzione di un Centro europeo di osservazione degli UFO, che è stata deferita alla Commissione per l’energia, la ricerca e la tecnologia, in qualità di commissione competente per il 1991, per l’elaborazione di un progetto di risoluzione. Il deputato Tullio Regge (PSE, Italia) è stato nominato relatore. Durante la riunione della commissione del 29 novembre -1 dicembre 1993, la proposta di risoluzione è stata adottata all’unanimità e presentata il 2 dicembre 1993. Il rapporto aveva la seguente formulazione:

PROPOSTA DI RISOLUZIONE
sulla proposta di creazione di un osservatorio europeo sugli “UFO”.

Il Parlamento europeo, vista la risoluzione dell’onorevole Di Rupo sulla creazione di un Centro europeo di osservazione per gli “UFO” (B3-1990/90)

– visto l’articolo 45 del suo regolamento

– vista la relazione della commissione per l’energia, la ricerca e la tecnologia (A3-0389/93)

A. considerando che per più di mezzo secolo c’è stata confusione nell’opinione pubblica in merito alla costante osservazione di oggetti volanti non identificati

B. considerando che esiste una spiegazione razionale per la stragrande maggioranza di tali osservazioni, di cui il pubblico viene raramente messo al corrente e che vi è la necessità di un’informazione più affidabile e veritiera

C. considerando che la credenza parascientifica incontrollata in tali fenomeni si sta diffondendo sempre più tra ampie fasce di pubblico, soprattutto tra le persone istruite

D. considerando che in Francia esiste da oltre dieci anni il SEPRA (Service d’Expertise des Phenomenes des Rentrees Atmospheriques), un dipartimento del CNES (Centre National d’Etudes Spatiales de Toulouse); che il SEPRA, in stretta collaborazione con la gendarmeria e l’aeronautica francese, svolge da decenni attività sistematiche di ricerca e monitoraggio nel campo della percezione degli “UFO” (“Unidentified Flying Objects”)

1. propone di considerare il SEPRA come un interlocutore permanente per le questioni UFO all’interno della CE e di conferirle uno status che le consenta di svolgere indagini in tutto il territorio comunitario. I fondi per gli eventuali oneri aggiuntivi derivanti dall’ampliamento del ruolo della SEPRA possono essere reperiti attraverso accordi tra il governo francese e gli altri Stati membri della CE o, se necessario e con l’accordo dei governi interessati, direttamente tra il SEPRA e altri istituti o organizzazioni di ricerca della CE,

2. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione alla Commissione, al Consiglio, alla Rappresentanza della Francia presso le Comunità europee e al Centre National d’Etudes Spatiales de Toulouse.

Nota generale sulle citazioni del rapporto del 1993: Le citazioni sono tratte dalla traduzione tedesca. Inoltre, l’abbreviazione “CE” per Comunità Europea, comunemente usata all’epoca, viene utilizzata come riferimento a “UE” e viene adottata.

Il testo della mozione evidenzia già alcuni punti chiave del fenomeno, come “l’esistenza di una spiegazione razionale per la stragrande maggioranza di queste osservazioni” o la diffusione incontrollata di “credenze parascientifiche”, che si riflettono ancora oggi in alcuni ambienti della comunità UFO. Il SEPRA citato nel rapporto, come dipartimento del CNES, è il predecessore dell’attuale GEIPAN.

Segue una giustificazione dell’argomento in più pagine, da cui si evince che l’autore è abbastanza informato, dato che vengono affrontati in modo specifico vari aspetti dell’argomento UFO. Ciò non sorprende, tuttavia, in quanto Tullio Regge ha buoni contatti con il gruppo UFO italiano CISU ed è stato anche supportato da loro con varie informazioni.

Nel rapporto vengono citate e anche criticamente contestate diverse ipotesi, come la questione dei visitatori extraterrestri, delle super tecnologie o dei segreti militari.

Viene anche discusso criticamente il ruolo dei mass media, che possono avere un’influenza significativa sull’opinione pubblica e causare confusione attraverso le loro notizie.

Una percentuale significativa della popolazione, anche nei Paesi industrializzati, crede nella teoria degli extraterrestri (ET). I sostenitori della tesi ET formano un ampio spettro di opinioni, che va dai “credenti del contatto” ossia coloro che considerano gli incontri ravvicinati del terzo tipo un fatto accertato e una questione di routine, ai ricercatori UFO seri che sono interessati al fenomeno, ma affrontano la questione senza idee preconcette. I sostenitori della tesi ET associano gli UFO a fenomeni paranormali e formano praticamente una comunità mistica che si sottrae a qualsiasi forma di controllo scientifico che non sia disposto ad accettare tesi preconcette.

In questo contesto vengono citati il caso di Voronezh (Russia), secondo il quale gli extraterrestri sarebbero atterrati in un parco, e la storia di UMMO dalla Spagna su un UFO atterrato, con quest’ultima che viene annoverata come “tra le peggiori sciocchezze”. Regge scrive nel rapporto:

“Non spetta al Parlamento commentare gli UFO. Tuttavia, deve intervenire tempestivamente per garantire che il pubblico sia correttamente informato. Se non si interviene tempestivamente, il prossimo secolo potrebbe non essere affatto un secolo scientifico, ma piuttosto l’inizio di un nuovo Medioevo in stile hollywoodiano. Il vero pericolo non sono gli extraterrestri, ma le persone male informate con un’immaginazione iperattiva e i politici che non si rendono conto dei problemi causati da un’opinione pubblica incontrollabile e prigioniera di ideologie mistiche e parascientifiche.”

Si discute anche il legame tra film e TV e le successive segnalazioni di avvistamenti UFO e le influenze dei media. Sarebbe inoltre opportuno condurre un’indagine storico-sociologica su come viene influenzata l’immaginazione del pubblico.

Il rapporto sottolinea la varietà di possibili spiegazioni e incertezze, che possono portare anche a interpretazioni errate di oggetti convenzionali, e cita i risultati del SEPRA francese. Viene anche menzionata l’ondata UFO belga, che all’epoca era ancora molto presente. Regge scrive:

In confronto, una serie di percezioni fatte in Belgio a partire dalla fine del 1989 ha scatenato una notevole reazione. La SOBEPS, la società belga che si occupa del fenomeno, ha analizzato finora circa 1.500 casi. Diverse caratteristiche del fenomeno rendono necessaria la massima cautela nel tentativo di citare questi eventi come prova della tesi ET.

Non esiste una spiegazione universale per gli UFO; si può trovare una soluzione soddisfacente per certe osservazioni solo se ci si rende conto che questi fenomeni possono avere cause molto diverse che non hanno nulla a che fare l’una con l’altra…

Una seconda conclusione è che le poche osservazioni rimaste inspiegabili (circa il 4%) devono essere prese per UFO (Unidentified Flying Objects) nel vero senso della parola, solo perché per il momento manca ancora una spiegazione o forse per caso, non possiamo considerare il fenomeno come una prova certa e nemmeno come un’indicazione dell’esistenza di extraterrestri, che hanno capacità tecniche notevolmente superiori alle nostre, ma resta compito della scienza continuare a ricercare questi processi per arrivare a una spiegazione soddisfacente.

L’ondata del Belgio è ancora esplicitamente citata nel rapporto, con alcuni commenti cauti sulla valutazione. L’autore commenta:

Poiché la maggior parte degli UFO belgi sembra volare a bassissima quota e a bassa velocità, non sono state fatte osservazioni su cui si possa basare una seria discussione; così come le osservazioni fatte dalla Terra non possono essere collegate a contatti radar ad alta velocità…

Fin dall’inizio, la probabilità di un contatto con gli extraterrestri è certamente molto inferiore alla spiegazione per altre cause…). È notevole che tutte le osservazioni siano state effettuate in Belgio, con un’unica eccezione: il dato a mia conoscenza è quello del 5 settembre 1991 in Francia, ma molto vicino al confine belga.

In un punto o nell’altro, Regge menziona la considerazione dell’inganno deliberato da parte di singole persone o organizzazioni. Tuttavia, il rapporto fa riferimento anche a osservazioni inspiegabili, soprattutto in relazione a oggetti luminosi associati a fenomeni atmosferici precedentemente sconosciuti. Vengono anche fatti dei paralleli con il fenomeno dei fulmini globulari.

Regge scrive poi dei suoi tentativi di parlare con i piloti per capire fino a che punto avessero fatto le loro osservazioni. È stato trovato un solo testimone:

“Un assistente di volo dell’Alitalia è stato l’unico, tra le centinaia di intervistati, a descrivermi l’incontro con un UFO durante un volo sulla rotta Roma-Venezia. A causa di un forte nubifragio, l’aereo non riuscì ad atterrare all’aeroporto di Tessera e dovette volare fino all’aeroporto di Ronchi. Durante la fase di avvicinamento, l’aereo fu accompagnato da tre sfere verdi luminose stimate a circa 100 metri di distanza. Queste sfere lasciarono tracce anche sul radar di terra e furono viste dai passeggeri. A causa delle condizioni meteorologiche, egli vede un collegamento con un fenomeno atmosferico.”

Ha anche ricevuto segnalazioni di avvistamenti dalla sua cerchia di conoscenti:

Infine, vicino a Milano, due conoscenti del giornalista, appassionati osservatori di stelle, hanno avuto una percezione mentre osservavano uno sciame meteorico notturno. Improvvisamente il cielo fu oscurato da un corpo molto grande con fiamme verdastre che usciva dalla parte posteriore e si muoveva lentamente. Questa osservazione all’epoca fece scalpore nella zona.

È interessante notare il paragrafo del rapporto in cui l’autore scrive a tutte le forze aeree dell’UE, ma riceve una risposta dettagliata solo dall’Italia:

Per inciso, il relatore ha scritto a tutte le forze aeree degli Stati membri della CE e ha ricevuto una risposta esauriente solo dallo Stato Maggiore dell’Aeronautica italiana, insieme a un elenco, non soggetto a segreto militare, di tutte le apparizioni registrate nell’ultimo decennio, con un picco nel 1982 con 32 osservazioni. In generale, le osservazioni UFO sembrano essere in aumento lungo le coste italiane. L’opuscolo non contiene spiegazioni sulla natura degli UFO e comunque non riporta osservazioni da parte di personale militare; è più probabile che si tratti di un elenco di varie testimonianze raccolte dall’Aeronautica Militare Italiana.

In una cortese lettera, l’Aeronautica militare francese ha chiesto al giornalista di mettersi in contatto con il SEPRA, con il quale collabora attivamente da tempo.

Le altre forze aeree non hanno risposto o hanno rifiutato la richiesta sostenendo che questi dati erano coperti da segreto militare (Spagna) e comunque non erano particolarmente rilevanti, oppure che l’ufficio che avevo contattato non era competente in materia (Repubblica Federale Tedesca), senza però specificare quale servizio fosse competente. Recentemente, l’aeronautica militare spagnola ha tolto il segreto militare e ha pubblicato un elenco di osservazioni, una delle quali ha una certa somiglianza con il caso Alitalia citato sopra. Per anni le forze aeree di tutti i Paesi hanno mantenuto il segreto sulle osservazioni UFO per il timore – poi rivelatosi del tutto infondato – che queste apparizioni fossero legate alle armi segrete dell’URSS. Quest’ultima, da parte sua, ha tenuto segreti i dati in suo possesso per le stesse ragioni.

Le conclusioni sottolineano l’utilità di un ufficio UFO centrale a livello europeo:

Potrebbe (…) essere utile istituire un ufficio centrale per raccogliere e coordinare le informazioni sugli UFO in tutta la CE. Innanzitutto, potrebbe contrastare l’ondata di voci incontrollate che inquietano l’opinione pubblica e diventare un punto di riferimento per le numerose osservazioni di questo tipo, come nel recente caso dello spettacolare schianto di un meteorite sull’Adriatico o di un satellite russo in Francia. Infine, un centro di questo tipo potrebbe fornire importanti approfondimenti sull’esistenza e la natura dei fenomeni rari, basandosi su organizzazioni già esistenti. Poiché la SEPRA ha acquisito una notevole esperienza in questo campo, la conseguenza logica e non costosa sarebbe quella di conferirle un ruolo e uno status europeo, che le consentirebbe di svolgere indagini e azioni di informazione in tutta la CE.

La relazione è accompagnata da un allegato contenente il testo proposto per una risoluzione corrispondente. L’allegato manca nella traduzione tedesca a mia disposizione, ma sono riuscito a tradurlo dalla versione francese:

PROPOSTA DI RISOLUZIONE (ВЗ-1990/90)

presentata ai sensi dell’articolo 63 del Regolamento da N. DI RUPO sulla creazione di un Centro europeo per l’osservazione degli “UFO”.

Il Parlamento europeo

A. considerando che da molti anni i cittadini affermano di aver osservato fenomeni inspiegabili nei cieli di diversi paesi europei

B. considerando che negli ultimi mesi anche persone fidate, scienziati e militari sono stati testimoni di fenomeni inspiegabili che sono stati equiparati agli “UFO” (oggetti volanti non identificati)

C. considerando il gran numero di testimonianze provenienti da diversi paesi della Comunità europea sulla notte tra il 5 e il 6 novembre 1990

D. considerando che una parte della popolazione è preoccupata per la frequenza di questi fenomeni

1. Invita la Commissione a istituire a breve termine un “Centro europeo di osservazione degli UFO”;

2. Propone che questo Centro europeo di osservazione degli UFO raccolga tutti gli avvistamenti sparsi segnalati dai cittadini e dalle istituzioni europee (militari e scientifiche) e che organizzi campagne di osservazione scientifica

3. propone che questo centro sia gestito dalla Commissione delle Comunità europee e da un comitato permanente di esperti dei dodici Stati membri

Nonostante l’approvazione della proposta, non c’è stata una risoluzione corrispondente al Parlamento europeo, il che ha portato anche a discussioni sulle ragioni. Edoardo Russo del CISU italiano, che conosceva personalmente Tullio Regge, ha fornito informazioni durante una discussione:

Ho fornito alla segreteria di Tullio Regge della documentazione e in seguito siamo rimasti in buoni rapporti, (…) siamo stati entrambi relatori a un convegno sugli UFO al Politecnico di Torino, nel 2001 e lui è stato ospite del nostro congresso internazionale a Saint Vincent, nel 2007.

Ha più volte raccontato (e scritto) quello che era successo: aveva offerto la sua opinione ponderata sul fatto che non era necessario un comitato dell’UE finché il GEPAN esisteva e poteva avere uno status europeo. Questa conclusione non è mai arrivata all’assemblea generale perché il Parlamento è giunto al termine (nel 1994).

Alle sue conclusioni si opposero due deputati britannici, ma non per opposizione politica: erano del Partito Laburista ossia dello stesso gruppo socialista di cui faceva parte Tullio Regge. Stavano facendo la loro battaglia (tipicamente britannica) contro le nuove spese dell’UE. È stato categorico e ironico come sempre quando ci ha detto che..: “non avevano capito nulla”.

Edoardo Russo mi ha anche gentilmente fornito alcune informazioni biografiche aggiuntive su Tullio Regge, in occasione di un precedente articolo su una rivista del CISU:

Tullio Regge è stato uno dei più noti scienziati italiani. Nato a Torino nel 1931, si è laureato in fisica nel 1952 e ha completato i suoi studi presso l’Università di Rochester (New York) dal ’54 al ’56. Dal 1962 è stato professore ordinario di Relatività all’Università di Torino. Dal 1965 al 1979 ha condotto ricerche presso il rinomato Institute for Advanced Studies di Princeton (USA).

I suoi contributi alla fisica delle alte energie sono di fondamentale importanza e ha svolto importanti ricerche sulla teoria relativistica delle collisioni, sui fenomeni delle basse atmosfere e sulla gravitazione discreta che gli sono valsi diversi premi e riconoscimenti scientifici (Heineman Prize dell’American Physical Society nel 1964, Einstein Medal nel 1979, Powell Medal dell’European Physical Society nel 1987).

Oltre all’attività didattica e di ricerca, ha scritto numerosi articoli (dal 1978 collabora con il quotidiano La Stampa) e libri (…) e si è occupato intensamente di divulgazione scientifica (…) oltre che di vari impegni civici e sociali, in particolare a favore dei disabili.

Come indipendente nelle liste del PCI, è stato eletto al Parlamento europeo nel 1990, dove è stato membro della Commissione per l’energia, la ricerca e la tecnologia.

Partecipanti alla conferenza internazionale di Saint Vincent del 2007 (da sinistra): Gian Paolo Grassino (CISU), l’astronomo Guido Cossard, Paolo Toselli (CISU), l’ex europarlamentare Tullio Regge, il giornalista Piero Bianucci (foto di Maurizio Morini, CISU)

Tullio Regge con il presidente del CISU Gian Paolo Grassino a Saint Vincent, 2007

(continua nella seconda parte)

[traduzione a cura di Matteo Marrocu]

  • – – –

Jochen Ickinger è uno specialista di Tecnologia dell’Informazione (IT) che indaga sugli UFO dagli anni 80, ha scritto diversi articoli ed è stato membro del consiglio direttivo di varie organizzazioni tedesche, in particolare del GEP (Gesellschaft zur Erforschung des UFO-Phänomens)

La storia dell’ufologia spagnola nelle lettere tra Antonio Ribera e Vicente-Juan Ballester Olmos

Antonio Ribera i Jordà (1920-2001) è stato uno dei padri dell’ufologia spagnola e forse l’ufologo spagnolo più conosciuto nel mondo.

Traduttore e scrittore (anche al di fuori dell’ambito ufologico: dalla fantascienza alla poesia) è stato un personaggio eclettico: attivista della causa catalana, console della Romania a Barcellona ed esperto subacqueo tanto da essere, nel 1953, uno degli artefici del Centro per il Recupero e la Ricerca Subacquea (CRIS).

Avvicinatosi all’ufologia sin dagli inizi, nel 1947, è stato tra i fondatori di una delle prime associazioni ufologiche spagnole il Centro de Estudios  Interplanetarios (CEI) di Barcellona, nel 1958.

Ha collaborato con svariate riviste dell’insolito e scritto numerosi libri dedicati agli UFO, alcuni dei quali tradotti anche in italiano (“I misteri dei dischi volanti”, “Prova dell’esistenza dei dischi volanti”, “UFO: processo con testimoni”, “Chi ci osserva dagli UFO?”, ma anche “I dodici triangoli della morte”).

In tutta la sua produzione e nelle sue attività Antonio Ribera è stato un riferimento per quella che possiamo definire un’ufologia “classica”. Fermo sostenitore dell’ETH (Extra Terrestrial Hypothesis) non ha mai abbandonato quel punto di vista e, anzi, si è speso completamente a favore del controverso caso Ummo (le lettere spedite da sedicenti extraterrestri), rivelatosi poi una via di mezzo tra l’esperimento sociologico e un vero e proprio falso.

Può sembrare quindi curioso che ad occuparsi di Ribera sia proprio Vicente-Juan Ballester Olmos, un ufologo votato ad un approccio razionale al fenomeno e spesso molto critico sulla stessa ufologia.

Quello che però li ha legati è stato un forte rapporto personale, di amicizia e rispetto, durato decenni durante i quali il giovane Ballester Olmos è cresciuto e si è progressivamente distaccato dalla figura paterna (come anagrafe e formazione) di Ribera senza perderne il contatto umano.

Per storicizzare questo rapporto, Vicente-Juan Ballester Olmos ha raccolto in un volume corposo (quasi 700 pagine in grande formato, riccamente illustrate) la riproduzione delle lettere che i due si sono scambiati nel tempo che ripercorrono tre decenni di fatti e opinioni che hanno scandito la storia dell’ufologia spagnola e, in qualche modo, la stessa evoluzione dell’ufologia da quella ingenua  e pionieristica degli Anni 60 al tentativo odierno di farne un oggetto di studi seri e razionali.

La lunga introduzione al volume si può leggere cliccando qui.

Il libro “Mi correspondencia con Antonio Ribera” (interamente in spagnolo) è pubblicato dalle Edizioni Upiar e può essere acquistato sulla libreria on line Upiar Store.

– – –

Nella foto in alto: le traduzioni italiane dei libri di Ribera su UFO e dischi volanti.
Nella foto in basso: (da destra a sinistra) Antonio Ribera, Vicente-Juan Ballester Olmos e Edoardo Russo al First London International UFO Congress, il 26 agosto 1979

Campagna CISU 2024

Il Centro Italiano Studi Ufologici ha lanciato la consueta campagna adesioni 2024, per il suo 39° anno di attività.
Il CISU è infatti un’associazione culturale, basata sul volontariato dei propri soci e collaboratori. Chiunque sia interessato ad un approccio razionale e scientifico al problema UFO può contribuire.
Esistono vari ambiti nei quali ciascuno può partecipare, più o meno attivamente, a seconda delle proprie inclinazioni e disponibilità: indagini su segnalazioni di avvistamento locali, ricerche d’archivio, aree specifiche di approfondimento e studio, di solito in coordinamento con i responsabili locali dell’associazione.
Esistono gruppi di lavoro e diverse mailing list di collegamento fra i volontari interessati o attivi su tematiche specifiche. I principali progetti di catalogazione e ricerca in corso sono indicati qui
Dal 1986, il CISU organizza annualmente un convegno, che a volte è aperto al pubblico ed a volte riservato agli iscritti (l’ultimo si è tenuto a Bologna il 18 novembre scorso, mentre l’elenco dei precedenti è consultabile qui) e una carrellata video è visualizzabile sul canale YouTube @UFOitaly.
Da 38 anni il Centro Italiano Studi Ufologici pubblica una rivista  che, senza lasciare spazio al sensazionalismo, offre una panoramica ragionata dello studio ufologico in Italia e nel mondo, ed è affiancata da una collana di monografie (Documenti UFO) e dai libri tecnici pubblicati dalle Edizioni UPIAR. Agli iscritti è inoltre riservata la circolare “Notizie CISU” che riporta le attività in corso da parte dei soci e dei collaboratori.
Soci e collaboratori del CISU hanno poi diritto ad uno sconto del 15%-20% sull’acquisto di tutti i libri pubblicati o distribuiti sul sito UPIAR Store.
Lo statuto e il regolamento del Centro Italiano Studi Ufologici sono consultabili qui e qui.

Il Manuale di metodologia d’indagine ufologica è scaricabile qui.
Il codice etico del CISU è pubblicato qui.

Per fare domanda e diventare Collaboratore del CISU basta scaricare e compilare questo modulo, e restituircelo a mezzo e-mail (cisu@ufo.it), fax (011545033) o posta ordinaria (CISU, casella postale 82, 10100 Torino).

50 anni di UFO e ufologia ad Alessandria

Era il 22 gennaio 1974 quando Paolo Toselli, non ancora quattordicenne, formava con alcuni amici un gruppo giovanile di appassionati agli UFO, denominato “Associazione Controllo Oggetti Misteriosi” (in sigla ACOM).

L’interesse per l’argomento era nato agli inizi dell’estate 1973, ai tempi del telefilm UFO, col comandante Straker a capo della SHADO. L’attenzione era stata attratta da una rivista trovata in edicola, Il Giornale dei Misteri, che  promuoveva l’aggregazione di persone con interessi nelle tematiche dell’insolito. Cominciò così ad acquistare libri su UFO e argomenti affini, oltre  ad avviare una fitta corrispondenza con altri appassionati in tutta Italia (le vecchie lettere spedite e ricevute per posta), a passare pomeriggi nella biblioteca locale per  sfogliare annate di giornali alla ricerca di articoli e notizie sul tema, puntualmente trascritte a mano su appositi block notes.

Il 1974 fu l’anno col maggior numero in assoluto di avvistamenti UFO per la provincia di Alessandria: ben 56 casi, con la massima concentrazione tra la primavera e l’estate. In parte, quel gran numero di casi può essere attribuita proprio all’attivismo dei componenti della nuova associazione: i giornali locali riferivano le evoluzioni di strani oggetti e  luci nei cieli della città e  nella provincia, Toselli e gli altri coetanei contattavano i testimoni per raccogliere le testimonianze dalla loro viva voce, tenevano rubriche nelle prime radio e TV private.

I resoconti di quelle indagini e attività trovavano spazio sia sul Giornale dei Misteri sia su una specie di fanzine autoprodotta con l’unico mezzo all’epoca abbordabile (ed oggi estinto): il ciclostile. Del Notiziario Ufologico ACOM furono realizzati in tutto 13 numeri, l’ultimo datato dicembre 1979, quando Toselli diventò rappresentante provinciale del più grande e noto Centro Ufologico Nazionale (CUN). Qualche anno dopo, insieme ad altri colleghi “ufologi”,  Paolo contribuì alla costituzione del Centro Italiano Studi Ufologici (CISU), di cui tuttora fa parte.

E proprio per il CISU ha appena  annunciato di aver concluso un nuovo aggiornamento del catalogo di tutti gli avvistamenti di presunti UFO avvenuti dalla provincia di Alessandria: ben 568 episodi dal dopoguerra ad oggi, un totale che pone Alessandria al secondo posto in Piemonte, seconda solo alla provincia di Torino.

Il record di segnalazioni si è riscontrato tra la fine del 1973 e l’estate 1974. Un’alta concentrazione si è poi ripetuta negli ultimi mesi del 1978, quando gli UFO invasero tutta Italia. A quell’annata straordinaria, qualche anno fa Toselli ha dedicato un libro con allegato documentario su DVD: Alessandria 1978: Allarme UFO, ancora acquistabile presso le Edizioni UPIAR.

In tempi più recenti, significativi incrementi di segnalazioni si sono riscontrati nel 2005 e nel 2010, dopodiché si è verificata una costante flessione.

L’ultimo avvistamento? E’ avvenuto intorno alle 17.30 del 5 agosto 2023 ad Alessandria: una persona ha osservato nel cielo sereno un oggetto biancastro che procedeva in orizzontale, è riuscita a scattare una foto con lo smartphone, e subito dopo l’oggetto è scomparso.

Il 73% dei casi alessandrini si riferisce alla categoria delle luci notturne. Solo l’11% riguarda oggetti lontani osservati di giorno, mentre un altro 11% sono i cosiddetti incontri ravvicinati, di cui nove del “terzo tipo”, ovvero con presenza di esseri umanoidi o entità animate.

Il record di segnalazioni va al mese di settembre, seguito da luglio e dagli altri mesi estivi. Gli orari in cui si vedono più UFO sono tra le 22 e mezzanotte e comunque quasi tutti gli avvistamenti sono concentrati tra le 17 e l’una di notte. Quasi un terzo degli episodi si sono verificati nel concentrico del capoluogo o nelle sue frazioni.

Per l’11% degli episodi sono disponibili foto o, in minor misura, filmati. La prima fotografia di un “disco volante” in provincia è stata scattata a Tortona la notte del 18 luglio 1967, anche se si trattava probabilmente di un fotomontaggio. I casi più recenti riguardano prevalentemente foto in cui l’”UFO” è stato rilevato solo osservando l’immagine in un secondo tempo, senza pertanto un’osservazione visiva.

E’ appena il caso di precisare che la maggioranza di quei casi di avvistamento, a seguito di analisi, risultano riconducibili a oggetti o fenomeni noti, che però il testimone non ha riconosciuto come tali, in particolare aerei, satelliti artificiali, palloni meteorologici, stelle o pianeti, meteore, le cosiddette lanterne cinesi o, più recentemente, piccoli droni. Una quarantina di episodi però restano ad oggi non spiegati: i veri e propri UFO (oggetti volanti non identificati).

 

– – –

Nella foto in evidenza: alcuni fascicoli del Notiziario ufologico ACOM.
Nella foto in alto: Paolo Toselli con  Edoardo Russo ad un programma sugli UFO su TVC (TeleVisione Commerciale) nel 1978.