Domenica 5 novembre, il CISU con la storia degli UFO al Museo del Fantastico e della Fantascienza (MuFant) di Torino

Domenica 5 novembre, presso il MuFant, il Museo del Fantastico e della Fantascienza di Torino, via Reiss Romoli 49/bis, a partire dalle 15 il pomeriggio sarà interamente dedicato alla storia degli UFO, di cui quest’anno si celebra il 70° anniversario del primo avvistamento ufficiale. L’UFO DAY, organizzato dal C.I.S.U. (Centro Italiano Studi Ufologici), si aprirà con l’inaugurazione della sezione “UFO e alieni” con la possibilità di una visita guidata assieme al curatore della mostra Paolo Toselli.

 

Un angolo della sezione a carattere ufologico  del MuFant  curata da Paolo Toselli.

 

A seguire, si parlerà di “Incontri ravvicinati del terzo tipo” con Toselli e Gian Paolo Grassino, presidente del CISU, che, ricordando il capolavoro di Steven Spielberg a distanza di 40 anni dalla sua produzione, si soffermeranno sulla consulenza alla pellicola dell’ufologo e astronomo statunitense Joseph Allen Hynek pioniere dell’ufologia “scientifica”, ripercorrendo l’impatto sui media e gli episodi più clamorosi di “contatto” avvenuti proprio in quegli anni.

L’attenzione sarà poi rivolta a un film di casa nostra di cui pochi si ricordano, ovvero “Occhi dalle stelle” del regista e ufologo Roy Garrett, al secolo il piemontese Mario Gariazzo, con Edoardo Russo e Fabrizio Dividi che mostreranno alcuni spezzoni rivelando retroscena inediti.

Sarà anche l’occasione per presentare le recenti pubblicazioni del C.I.S.U., assieme a un’anteprima del libro “UFO tra noi. L’universo è in Piemonte”, editrice Il Punto, alla presenza dell’autore Danilo Tacchino.

Per tutti i visitatori ci sarà la possibilità di partecipare ad un’originale iniziativa: il contest #AlienSelfie. Scatta la tua foto accanto alla ricostruzione, in dimensioni reali, delle “creature” protagoniste dei più famosi incontri ravvicinati del terzo tipo in Italia e nel mondo.

Pubblica questa notizia su Facebook, taggala e condividila!

++SABATO 7 OTTOBRE: 32° CONVEGNO NAZIONALE DI UFOLOGIA A TORINO!++

Il Centro Italiano Studi Ufologici, in occasione del 70° anniversario della “nascita” del fenomeno UFO, dedicherà alla ricorrenza il suo 32° Convegno Nazionale di Ufologia che si terrà a Torino, sabato 7 ottobre 2017, con inizio alle ore 10 presso Palazzo Capris, in Via Santa Maria 1, nel centro cittadino.

Fin dal 1986, il CISU organizza annualmente la principale occasione di incontro fra gli studiosi del settore che nel nostro paese si riconoscono nell’orientamento scientifico.
Sarà Xavier Passot l’ospite d’onore del convegno. Ingegnere informatico e appassionato di astronomia, Passot è stato per cinque anni (sino al 2016) direttore del GEIPAN, il gruppo di studio e informazione sui fenomeni aerospaziali non identificati, che dal 1977 opera all’interno dell’agenzia spaziale francese (il CNES) per raccogliere ed analizzare le segnalazioni UFO in Francia.

Sotto la sua direzione, il GEIPAN ha accelerato la pubblicazione su internet dei propri archivi, rivitalizzato le attività di indagine e aperto ad un’inedita collaborazione con gli ufologi privati, per mettere insieme competenze ed esperienze di scienziati e appassionati sulle tecniche di raccolta e analisi dei dati.

Marco Ciardi sarà il secondo relatore di prestigio. Professore di Storia della scienza all’Università di Bologna, Ciardi si interessa allo studio dei rapporti tra scienza, filosofia e letteratura, pseudoscienza e magia, ed è fra l’altro reduce dal notevole successo ottenuto dal suo ultimo libro Il mistero degli antichi astronauti (Carocci Editore), dedicato a quella che anni fa veniva chiamata archeologia spaziale ed oggi paleo-astronautica, ovvero la tesi secondo cui visitatori extraterrestri avrebbero interagito con le civiltà del passato.

Il convegno, che si protrarrà per tutta la giornata, sarà anche l’occasione per dibattere, a distanza di settant’anni, su come si è evoluto lo studio degli UFO e cosa è cambiato dal quel lontano 1947.

“Oggi celebriamo il quarantesimo anniversario della produzione del capolavoro di Steven Spielberg, Incontri ravvicinati del terzo tipo, che si avvalse della collaborazione dell’ufologo ed astronomo statunitense Josef Allen Hynek, a cui si deve la classificazione degli avvistamenti in categorie ben distinte tuttora impiegate dagli addetti ai lavori”. A ricordarlo è uno dei soci fondatori del CISU, Paolo Toselli. “Eppure i dischi volanti, quelli classici, “dadi e bulloni” per intenderci, si vedono sempre meno. In Italia, ma anche nel resto del mondo, negli ultimi anni gli avvistamenti di UFO sono diminuiti, e gli episodi di “incontro ravvicinato” si sono quasi azzerati”. Gli studiosi riuniti a Torino riusciranno a dare una risposta?

Concluderà la manifestazione una tavola rotonda sul tema Gli UFO in tempi di fake news a cui parteciperanno, tra l’altro, Massimo Centini, antropologo, e Andrea Ferrero, coordinatore e responsabile della formazione del CICAP, il Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze.

Per partecipare al convegno, ad ingresso gratuito, è richiesta l’iscrizione scrivendo a cisu@ufo.it

Ufficio Stampa:
Gian Paolo Grassino, 011.8127475, gp.grassino@iol.it
Edoardo Russo, 011.538125, edoardo.russo@libero.it

CENTRO ITALIANO STUDI UFOLOGICI
www.cisu.org
www.upiar.com
www.ufo.it

Torino, sabato 7 ottobre: 32° Convegno annuale di ufologia – Tutti invitati!

Conto alla rovescia per il 32° convegno nazionale di ufologia, organizzato per l’intera giornata di sabato 7 ottobre a Torino dal Centro Italiano Studi Ufologici.

Il convegno si terrà presso Palazzo Capris (via Santa Maria, 1), nel centro cittadino.

Fin dal 1986 infatti, il CISU organizza annualmente la principale occasione di incontro fra gli studiosi del fenomeno UFO che nel nostro paese si riconoscono nell’orientamento scientifico.

In oltre trent’anni il convegno si è tenuto in varie città italiane, grandi (Bologna, Firenze, Milano, Roma, Torino) e meno grandi  (Arezzo, Rimini, Saint Vincent, Terni, Treviso, Viterbo).

A volte il convegno ha natura tecnica, coinvolge solo i ricercatori e si svolge a porte chiuse. Altre volte invece ha finalità divulgative ed è aperto al pubblico. Un elenco dei primi 31 convegni e dei loro temi, con i testi, le slide e i video di alcune relazioni, si trova qui.

Nel 70° anniversario della “nascita” del fenomeno di quelli che all’epoca (nel 1947) vennero battezzati “dischi volanti”, il convegno di quest’anno sarà pubblico, ad ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili, con precedenza a chi si sarà prenotato (e-mail a: cisu@ufo.it).

Fra i relatori di quest’edizione 2017 sono previsti anche ospiti dell’ambiente universitario e scientifico, dall’Italia e dall’estero. Maggiori dettagli verranno diffusi nei prossimi giorni.

 

Università di Torino: due tesi para-ufologiche

Il 14 luglio presso il Dipartimento di Lingue e culture moderne dell’Università di Torino si è tenuta la discussione di ben due tesi di laurea magistrale su argomenti para-ufologici.
In effetti le due dissertazioni sono derivate da un unico progetto e sono state presentate e discusse in parallelo. Dal tema originario degli “Antichi astronauti” è infatti derivato già l’anno scorso un parallelo esame dell'”Esopolitica”.
Relatrice di entrambe le tesi è stata la prof. Laura Bonato, docente di antropologia culturale, mentre autori delle dissertazioni sono Sara Rolando e Filippo Sarpa, che hanno lavorato due anni a quattro mani per l’ampio lavoro di raccolta e poi di stesura di un elaborato totale pari a circa 640 pagine.
Fulcro iniziale è stato il tema della cosiddetta “paleo-astronautica”, con particolare riferimento alle strutture megalitiche in Sudamerica, dove nell’estate 2015 i futuri tesisti hanno passato un mese tra Perù, Bolivia, Isola di Pasqua a fare sopralluoghi diretti, raccogliere interviste e testimonianze.
Il condensato di queste ricerche sono le 330 pagine a firma di Filippo Sarpa, intitolate Antichi astronauti in Sudamerica: sulle tracce di un contatto interplanetario nel passato.
Filippo Sarpa discute la sua tesi di laurea.
Nel corso della prima stesura però è presto emerso il collegamento fra le teorie relative ad interventi extraterrestri nel passato remoto e tutto il filone di letteratura relativo invece a contatti alieni nel presente. I due studenti si sono quindi immersi (con interviste e soprattutto con “osservazione partecipante”) nel mondo para-ufologico della cosiddetta “esopolitica”, partecipando a conferenze e convegni in Italia e all’estero, fino ad essere di
fatto cooptati nell’organizzazione di alcuni eventi e pubblicazioni.
Questo secondo filone si è concretizzato nelle quasi 310 pagine a firma di Sara Rolando: Esopolitica: messaggi da altri mondi, che in realtà riposiziona l’originario complottismo esopolitico affiancandolo alla riedizione contemporanea del contattismo classico.
E’ il turno di Sara Rolando.
Comune ad entrambi i volumi è il capitolo di inquadramento antropologico delle due tematiche come “realtà integrate in una controcultura totale”, dove i  capisaldi sono il ridimensionamento della scienza a favore di tesi pseudoscientifiche, l’idealizzazione (se non la creazione) di un passato mitico, la sfiducia nelle autorità e conseguentemente le teorie del complotto, ma anche
(e questo è un punto originale) le tensioni esistenziali e spirituali
sottostanti, come eredità del movimento New Age e in contrapposizione al modello stesso di cultura e società occidentali.
Nell’introduzione delle due tesi (soprattutto quella a firma Rolando) viene correttamente delineata la differenza (e in parte la derivazione) di paleocontatto ed esopolitica rispetto all’ufologia razionalista, ma lo sguardo degli autori si concentra poi su queste due tematiche, ricostruendone lo sviluppo e alcune ramificazioni.
Le conclusioni (anch’esse comuni alle due tesi) sono che sarebbe indispensabile una rivalutazione di tali tematiche da parte della comunità accademica, auspicando approfondimenti multidisciplinari che da un lato siano coordinati da
un approccio antropologico, dall’altro lo trascendano per cercare invece di appurare quando di fattuale vi sia in queste che altrimenti resterebbero espressione di una sottocultura oggi appannaggio di comunità virtuali.

++ Save the Date! ++ TORINO, SABATO 7 OTTOBRE: 32° Convegno Nazionale di Ufologia

++ SAVE THE DATE!!! ++

Questo è un primo annuncio:

il 32° Convegno Nazionale di Ufologia organizzato dal Centro Italiano Studi Ufologici (CISU) avrà luogo sabato 7 ottobre 2017 nella città di Torino, sarà aperto al pubblico, ad accesso gratuito e durerà per tutta la giornata.

E’ probabile sia accompagnato da iniziative collaterali.

Torneremo con maggiori dettagli organizzativi, sugli ospiti e sul programma generale.

Il Consiglio direttivo del Centro Italiano Studi Ufologici vi invita caldamente a partecipare e a sostenere un’ufologia attiva, di orientamento scientifico e fatta per le persone che vogliono ragionare.

Iscrivetevi al Centro Italiano Studi Ufologici!