Finalmente reso pubblico il rapporto sugli UAP dell’intelligence USA

Ieri, 25 giugno, come previsto, è stato reso noto il tanto atteso rapporto preliminare sugli UAP redatto della direzione della National Intelligence degli Stati Uniti su richiesta del Senato (https://www.dni.gov/files/ODNI/documents/assessments/Prelimary-Assessment-UAP-20210625.pdf).

Si tratta di un documento che costituisce una svolta rispetto alla politica degli ultimi anni decretando il ritorno di un interesse ufficiale delle autorità statunitensi per il fenomeno degli Oggetti Volanti Non Identificati.

Preceduto nei giorni scorsi dalle anticipazioni del New York Times e dal dibattito da queste innescato, il rapporto si presenta come un elaborato di poche pagine decisamente stringato anche nei contenuti.

Di seguito riportiamo la traduzione integrale del testo in modo che ciascuno possa valutarlo ed analizzarlo.

La prima impressione è di un elaborato davvero molto preliminare che dà conto dell’analisi di una serie di avvistamenti (144) raccolti dal 2004 ad oggi dei quali però non abbiamo ulteriori informazioni né sulla provenienza (in massima parte pare dalla Marina statunitense), né sulla tipologia dei casi, né sul tipo e la portata delle analisi effettuate in passato dagli enti preposti e oggi dalla commissione stessa.

E’ certamente importante rilevare come venga ripetuto che i casi analizzati hanno tutti una significativa consistenza fattuale, che sembrano riferirsi ad oggetti fisici e che sono spesso accompagnati da rilevamenti strumentali, anche multipli con apparecchiature ritenute adeguate ed attendibili, con buona pace dei “debunkers” che hanno cercato di metterlo in dubbio prima ancora di conoscere i fatti.

D’altra parte, a differenza di quanto era stato anticipato, il rapporto resta decisamente sul vago sulle possibili interpretazioni ed eventuali spiegazioni esotiche, come quelle legate all’ipotesi di velivoli di natura non terrestre, non vengono addirittura citate.

Allo stesso modo non viene escluso che a causare gli avvistamenti possano essere manufatti “segreti” prodotti da apparati della difesa o dell’industria privata statunitense.

Insomma, pur prendendo atto della presenza di casi non spiegati, il rapporto non si pronuncia sulle possibili interpretazioni e sulle stesse caratteristiche eventualmente “straordinarie” degli oggetti osservati.

Partendo da queste considerazioni, il rapporto auspica che vengano attuati procedure e studi mirati per raccogliere più avvistamenti dai vari uffici governativi e per costruire adeguati strumenti di analisi dei dati raccolti, addirittura con l’uso dell’intelligenza artificiale.

In conclusione viene quindi avanzata la richiesta diretta di finanziamenti specifici per promuovere e sostenere la ricerca sugli UAP.

Come possiamo vedere, siamo quindi molto distanti dalle aspettative, forse un po’ ingenue, di alcuni che si attendevano (o speravano) una parola definitiva sull’esistenza di un fenomeno reale e in qualche modo “alieno”. Piuttosto il rapporto esprime una linea che il Centro Italiano Studi Ufologici ha sostenuto da sempre: ci sono avvistamenti che non trovano facili spiegazioni ed è importante studiarli, senza preconcetti o convinzioni che non nascano dall’impegnativo e complesso lavoro di analisi dei dati.

Resterà ora da capire se questi suggerimenti saranno recepiti e come verranno mesi in pratica in quello che potrebbe diventare, dopo cinquant’anni, un nuovo “Project Blue Book”.

 

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

 

 

FENOMENI AEREI NON IDENTIFICATI – VALUTAZIONI PRELIMINARI

 

AMBITO E PRESUPPOSTI

Portata

Questo rapporto preliminare è redatto dall’Office of the Director of National Intelligence (ODNI) in risposta alla disposizione del Senate Report 116-233, che accompagna l’Intelligence Authorization Act (IAA) per l’anno fiscale 2021, secondo cui il DNI, in coordinamento con il Segretario della Difesa (SECDEF), deve presentare una valutazione dal punto di vista dell’intelligence della minaccia posta in atto dai fenomeni aerei non identificati (UAP) e i progressi compiuti dalla Task Force per i fenomeni aerei non identificati (UAPTF) del Dipartimento della difesa nella comprensione di questa minaccia.

Questo rapporto fornisce ai responsabili politici una panoramica dei problemi associate alla caratterizzazione della potenziale minaccia rappresentatat dagli UAP, fornendo anche un mezzo per sviluppare processi, politiche, tecnologie e formazione pertinenti per l’esercito degli Stati Uniti e altro personale del governo degli Stati Uniti (USG) se e quando incontrano UAP, in modo da migliorare la capacità della comunità di intelligence (IC) di valutarne la minaccia. Il direttore dell’UAPTF è il funzionario responsabile per garantire la raccolta tempestiva e il consolidamento dei dati sugli UAP. Il set di dati descritto in questo rapporto è attualmente limitato principalmente alle segnalazioni da parte degli uffici governativi degli Stati Uniti di eventi avvenuti da novembre 2004 a marzo 2021. I dati continuano ad essere raccolti e analizzati.

L’ODNI ha preparato questo rapporto per i comitati del Congresso sull’intelligence e sulle forze armate. L’UAPTF e l’ODNI National Intelligence Manager for Aviation hanno redatto questa relazione, con l’input di USD(I&S), DIA, FBI, NRO, NGA, NSA, Air Force, Army, Navy, Navy/ONI, DARPA, FAA, NOAA, NGA, ODNI/NIM-Emerging and Disruptive Technology, ODNI/National Counterintelligence and Security Center e ODNI/National Intelligence Council.

 

Ipotesi

Le varie forme di sensori che registrano UAP generalmente funzionano correttamente e catturano sufficienti dati reali per consentire le valutazioni iniziali, ma alcuni UAP possono essere attribuibili ad anomalie dei sensori.

 

RIASSUNTO OPERATIVO

La quantità limitata di rapporti di alta qualità sui fenomeni aerei non identificati (UAP) ostacola la nostra capacità di trarre conclusioni definitive sulla natura o l’intento degli UAP. La Unidentified Aerial Phenomena Task Force (UAPTF) ha preso in considerazione una serie di informazioni sugli UAP descritte nei rapporti dell’esercito americano e della IC (Intelligence Community) ma, poiché il rapporto mancava di sufficiente specificità, alla fine ha riconosciuto che era necessario una procedura di rapporto unico e su misura per fornire dati sufficienti per l’analisi degli eventi UAP.

Di conseguenza, l’UAPTF ha concentrato la sua analisi sui rapporti avvenuti tra il 2004 e il 2021, la maggior parte dei quali sono il risultato di questa nuova procedura su misura per rilevare meglio gli eventi UAP attraverso un rapporto standardizzato.

La maggior parte degli UAP segnalati probabilmente rappresentano oggetti fisici, dato che la maggior parte degli UAP sono stati registrati attraverso più sensori, tra cui radar, infrarossi, elettro-ottici, puntatori di armi e osservazione visiva.

In un numero limitato di eventi, gli UAP sembravano mostrare caratteristiche di volo insolite. Queste osservazioni potrebbero essere il risultato di errori dei sensori, inganni informatici (spoofing) o percezione errata dell’osservatore e richiedono ulteriori analisi rigorose.

Ci sono probabilmente più tipi di UAP che richiedono spiegazioni diverse basate sulla varietà di apparizioni e comportamenti descritti nei rapporti disponibili. La nostra analisi dei dati supporta il concetto che se e quando i singoli eventi UAP saranno risolti, essi rientreranno in una delle cinque potenziali categorie esplicative: anomalie aeree, fenomeni atmosferici naturali, programmi di sviluppo del governo degli Stati Uniti o dell’industria statunitense, sistemi avversari stranieri e un contenitore residuale dell’”altro”.

Gli UAP pongono chiaramente un problema di sicurezza del volo e possono rappresentare una sfida alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Le preoccupazioni per la sicurezza si concentrano principalmente sui piloti che si confrontano con uno spazio aereo sempre più affollato. Gli UAP rappresenterebbero anche un problema per la sicurezza nazionale se fossero un insieme di strumenti di potenze straniere oppure potrebbero fornire la prova che un potenziale avversario ha sviluppato una tecnologia rivoluzionaria o distruttiva.

Il consolidamento coerente dei rapporti provenienti dal governo federale, la standardizzazione dei rapporti, l’aumento della raccolta e dell’analisi e una procedura semplificata per il vaglio di tutti questi rapporti rispetto a una vasta gamma di dati importanti in possesso del governo degli Stati Uniti, consentiranno un’analisi più sofisticata degli UAP che probabilmente approfondirà la nostra comprensione. Alcuni di questi passi richiedono l’utilizzo di notevoli risorse e necessiterebbero di ulteriori investimenti.

 

RAPPORTI DISPONIBILI IN GRAN PARTE NON CONCLUSIVI

 

I dati limitati lasciano la maggior parte degli UAP inspiegati

I dati limitati e l’incoerenza nella segnalazione sono problemi chiave per valutare gli UAP. Non esisteva alcun meccanismo di segnalazione standardizzato finché la Marina non ne ha stabilito uno nel marzo 2019. L’Aeronautica ha successivamente adottato quel meccanismo nel novembre 2020, ma rimane limitato alla segnalazione che competono al governo degli Stati Uniti. Durante la sua ricerca L’UAPTF ha regolarmente recepito a livello aneddotico notizie su altre osservazioni che si sono verificate, ma che non sono mai state state riportate in modo formale o informale da quegli osservatori.

Dopo aver considerato attentamente queste informazioni, l’UAPTF si è concentrato soprattutto sui rapporti che hanno coinvolto gli UAP osservati in prima persona da piloti militari e che sono stati registrati da sistemi che abbiamo considerato affidabili. Questi rapporti descrivono eventi avvenuti tra il 2004 e il 2021, la maggior parte dei quali negli ultimi due anni, quando il nuovo meccanismo di segnalazione è diventato più noto alla comunità dell’aviazione militare. Siamo stati in grado di identificare con alta attendibilità uno degli UAP segnalati. In quel caso abbiamo identificato l’oggetto come un grande pallone che si stava sgonfiando. Gli altri rimangono inspiegati.

– 144 rapporti provenivano da fonti USG. Di questi, 80 rapporti hanno coinvolto l’osservazione con sensori multipli.

  • La maggior parte dei rapporti ha riguardato UAP che hanno interrotto sessioni di addestramento o altre attività militari.

 

Problemi per la raccolta di dati sugli UAP

Preconcetti socioculturali e limitazioni dei sensori rimangono ostacoli alla raccolta di dati sugli UAP. Anche se alcuni problemi tecnici – come ad esempio come filtrare adeguatamente i segnali spuri dei radar per garantire la sicurezza del volo per gli aerei militari e civili – sono note da lunga data nell’ambito dell’aviazione, altre sono uniche per l’insieme degli UAP.

I racconti dei piloti operativi e degli analisti dell’esercito e dell’IC descrivono il poco interesse associato all’osservazione degli UAP, alla loro segnalazione o al tentativo di discuterne con i colleghi. Anche se gli effetti di questi preconcetti sono diminuiti man mano che i membri più anziani delle comunità scientifiche, politiche, militari e di intelligence si sono espressi seriamente sull’argomento in pubblico, il rischio di compromettere la propria reputazione può mantenere molti osservatori in silenzio, complicando la ricerca scientifica dell’argomento.

I sensori montati sulle piattaforme militari statunitensi sono tipicamente progettati per compiere missioni specifiche. Di conseguenza, questi sensori non sono generalmente adatti per identificare gli UAP.

I punti di osservazione dei sensori e il numero di sensori che osservano simultaneamente un oggetto giocano un ruolo sostanziale nel distinguere gli UAP dagli oggetti conosciuti e nel determinare se un UAP dimostra capacità aerospaziali straordinarie. I sensori ottici hanno il vantaggio di fornire alcune informazioni su dimensioni, forma e struttura. I sensori a radiofrequenza forniscono informazioni più accurate su velocità e portata.

 

Ma emergono alcuni modelli potenziali

Anche se c’era un’ampia variabilità nei rapporti e il set di dati è attualmente troppo limitato per consentire un’analisi dettagliata delle tendenze o dei modelli, c’è stato un certo raggruppamento delle osservazioni UAP per quanto riguarda la forma, la dimensione e, in particolare, la propulsione. Gli avvistamenti di UAP tendevano anche a raggrupparsi intorno ai campi di addestramento e collaudo degli Stati Uniti, ma valutiamo che questo può derivare da un pregiudizio di raccolta come risultato di un’attenzione focalizzata, un maggior numero di sensori di ultima generazione che operano in quelle aree, le aspettative delle unità coinvolte e le disposizioni di segnalare le anomalie.

 

E un pugno di UAP sembrano dimostrare una tecnologia avanzata

In 18 casi, descritti in 21 rapporti, gli osservatori hanno riferito modelli di movimento o caratteristiche di volo insolite degli UAP.

Alcuni UAP sembravano rimanere fermi nei venti in quota, muoversi controvento, manovrare bruscamente, o muoversi a velocità considerevole, senza mezzi di propulsione distinguibili. In un piccolo numero di casi, i sistemi degli aerei militari hanno calcolato l’energia di radiofrequenza (RF) associata agli avvistamenti di UAP.

L’UAPTF ha una piccola quantità di casi che sembrano mostrare UAP che mostrano accelerazioni o un certo grado di controllo della rotta. Sono necessarie ulteriori analisi rigorose da parte di più squadre o gruppi di esperti tecnici per determinare la natura e la validità di questi dati. Stiamo conducendo ulteriori analisi per determinare se si può provare la presenza di tecnologie fuori dall’ordinario.

 

GLI UAP PROBABILMENTE NON HANNO UNA SPIEGAZIONE UNICA

Gli UAP documentati in questo limitato gruppo di dati mostrano una varietà di comportamenti aerei, rafforzando la possibilità che ci siano più tipi di UAP che richiedono spiegazioni diverse. La nostra analisi dei dati supporta il concetto che, se e quando i singoli eventi UAP saranno risolti, essi cadranno in una delle cinque potenziali categorie esplicative: anomalie aeree, fenomeni atmosferici naturali, programmi di sviluppo del governo o dell’industria degli Stati Uniti, sistemi avversari stranieri, e una categoria residuale. Con l’eccezione di un caso in cui abbiamo determinato con alta sicurezza che l’UAP segnalato era un’anomalia aerea, in particolare un pallone che si sgonfiava, attualmente non abbiamo informazioni sufficienti nel nostro insieme di dati per attribuire agli altri casi delle spiegazioni specifiche.

Anomalie aeree: Questi oggetti includono uccelli, palloncini, veicoli aerei senza equipaggio (UAV), o detriti aerei come sacchetti di plastica che confondono la scena e influenzano la capacità di un operatore di identificare i veri obiettivi, cioè aerei nemici.

Fenomeni atmosferici naturali: I fenomeni atmosferici naturali includono cristalli di ghiaccio, umidità e fluttuazioni termiche che possono registrarsi su alcuni sistemi infrarossi e radar.

Programmi di sviluppo del governo o dell’industria degli Stati Uniti: Alcune osservazioni UAP potrebbero essere attribuibili a sviluppi e programmi segreti di enti statunitensi. Non siamo stati in grado di confermare, tuttavia, che questi sistemi rappresentassero uno qualsiasi dei rapporti UAP che abbiamo raccolto.

Sistemi avversari stranieri: Alcuni UAP potrebbero essere tecnologie impiegate da Cina, Russia, un’altra nazione o un’entità non governativa.

Altro: Anche se la maggior parte degli UAP descritti nel nostro insieme di dati probabilmente rimangono non identificati a causa di dati limitati o di difficoltà nel loro trattamento o analisi, potremmo aver bisogno di ulteriori conoscenze scientifiche per raccogliere, analizzare e caratterizzare con successo alcuni di essi. Raggrupperemmo tali oggetti in questa categoria in attesa di progressi scientifici che ci permettano di comprenderli meglio. L’UAPTF intende concentrare l’analisi supplementare sul piccolo numero di casi in cui un UAP sembrava mostrare caratteristiche di volo insolite o la gestione dei propri movimenti.

 

GLI UAP MINACCIANO LA SICUREZZA DEL VOLO E, FORSE, LA SICUREZZA NAZIONALE

Gli UAP rappresentano un pericolo per la sicurezza del volo e potrebbero rappresentare un pericolo più ampio se alcuni casi fossero interpretabili come un insieme di azioni sofisticate contro le attività militari degli Stati Uniti da parte di un governo straniero o se dimostrassero una tecnologia aerospaziale innovativa di un potenziale avversario.

 

Possibili pericoli nello spazio aereo

Quando i piloti si trovano in situazioni pericolose per la sicurezza, sono tenuti a segnalare questi problemi. A seconda della posizione, dell’intensità e del comportamento delle cause di pericolo durante i voli, in genere i piloti possono decidere di interrompere i loro test e/o l’addestramento e far atterrare i loro aerei, il che ha un effetto deterrente sulla segnalazione.

L’UAPTF ha 11 rapporti di casi documentati in cui i piloti hanno segnalato quasi incidenti con un UAP.

 

Potenziali problemi per la sicurezza nazionale

Attualmente non abbiamo dati che indichino che gli UAP facciano parte di un programma straniero o che siano indicativi di un importante progresso tecnologico da parte di un potenziale avversario. Continuiamo a cercare le prove di tali programmi, data la sfida di controspionaggio che rappresenterebbero, in particolare perché alcuni UAP sono stati rilevati vicino a strutture militari o ad aerei che trasportano i sistemi di sensori più avanzati dell’USG.

 

SPIEGARE GLI UAP RICHIEDERÀ UN INVESTIMENTO ANALITICO, DI RACCOLTA E DI RISORSE

Standardizzare le procedure di segnalazione, consolidare i dati e approfondire l’analisi

In linea con le disposizioni del Senate Report 116-233, che accompagna lo IAA per l’anno fiscale 2021, l’obiettivo a lungo termine dell’UAPTF è di ampliare la portata del suo lavoro per includere nella sua analisi ulteriori eventi UAP documentati da una fascia più ampia di personale e sistemi tecnici dell’USG. Con l’aumento del set di dati, migliorerà anche la capacità dell’UAPTF di impiegare l’analisi dei dati per individuarne le costanti. L’obiettivo iniziale sarà quello di impiegare intelligenza artificiale e algoritmi di apprendimento automatico per raggruppare e riconoscere somiglianze e modelli nelle caratteristiche dei dati. Man mano che il database accumulerà informazioni di oggetti aerei noti, come palloni meteorologici, palloni ad alta quota o ad alta perssione, e la fauna selvatica, l’apprendimento automatico potrà aggiungere efficienza pre-valutando i rapporti UAP per vedere se le caratteristiche corrispondono a eventi simili già presenti nel database.

L’UAPTF ha iniziato a sviluppare flussi di lavoro analitici e di elaborazione interagenti per garantire che, sia la raccolta sia l’analisi siano ben supportate da informazioni e coordinate.

La maggior parte dei dati UAP proviene dai rapporti della Marina statunitense, ma sono in corso sforzi tra i servizi militari degli Stati Uniti e le altre agenzie governative per standardizzare i rapporti sugli eventi e garantire che tutti i dati pertinenti siano raccolti rispetto a particolari eventi e qualsiasi attività degli Stati Uniti che potrebbe essere rilevante.

L’UAPTF sta attualmente lavorando per acquisire ulteriori rapporti, anche dall’U.S. Air Force (USAF), e ha iniziato a ricevere dati dalla Federal Aviation Administration (FAA).

Sebbene la raccolta di dati dell’USAF sia stata storicamente limitata, l’USAF ha iniziato un programma pilota di sei mesi nel novembre 2020 per raccoglierne nelle aree in cui è più probabile incontrare UAP e sta valutando come normalizzare la raccolta futura, la segnalazione e l’analisi in tutta l’aeronautica militare.

La FAA acquisisce i dati relativi agli UAP durante il normale corso della gestione delle operazioni di traffico aereo. La FAA generalmente raccoglie questi dati quando i piloti e altri utenti dello spazio aereo segnalano eventi insoliti o inaspettati all’organizzazione del traffico aereo della FAA.

Inoltre, la FAA monitora continuamente i suoi sistemi alla ricerca di anomalie, generando ulteriori informazioni che possono essere utili all’UAPTF. La FAA è in grado di isolare i dati di interesse per l’UAPTF e renderli disponibili. La FAA ha un programma di sensibilizzazione robusto ed efficace che può aiutare l’UAPTF a raggiungere i membri della comunità aeronautica per evidenziare l’importanza di segnalare gli UAP.

 

Espandere la raccolta

L’UAPTF è alla ricerca di nuovi modi per aumentare la raccolta in aree di concentrazione di UAP dove le forze statunitensi non sono presenti così come un modo per creare un modello “standard” di attività UAP e limitare la distorsione di raccolta dei dati. Una proposta è quella di utilizzare algoritmi avanzati per cercare i dati storici catturati e memorizzati dai radar. L’UAPTF prevede anche di aggiornare la sua attuale strategia di raccolta UAP tra le agenzie governative al fine di portare le piattaforme e i metodi di raccolta rilevanti dal DoD e dall’IC.

 

Aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo

L’UAPTF ha indicato che ulteriori finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo potrebbero favorire lo studio futuro degli argomenti esposti in questo rapporto. Tali investimenti dovrebbero essere guidati da una strategia di raccolta UAP, una tabella di marcia tecnica R&S UAP e un piano di programma UAP.

Print Friendly, PDF & Email