Dischi volanti dallo spazio: nuova edizione del libro di Keyhoe

Torna in libreria dopo 64 anni quello che fu il primo libro pubblicato in Italia sui dischi volanti, scritto da Donald Keyhoe ed uscito nel 1954 con un titolo improprio (“La verità sui dischi volanti”) rispetto all’originale “Flying Saucers from Outer Space” (1953),  da molti anni oggetto di collezione perché introvabile.

Lo ripubblicano le edizioni Providence Press di Gianfranco Calvitti, che dello stesso autore già avevano tradotto “Flying Saucers Are Real” (“I dischi volanti sono una realtà”, 2016) portando in Italia il primissimo libro mai uscito sull’argomento, nel 1950.

Il giornalista e scrittore americano Donald Keyhoe fu infatti uno dei pionieri dell’ufologia, contribuendo non poco alla diffusione dell’ipotesi extraterrestre e all’impostazione dell’associazionismo ufologico in contrapposizione al governo e ai militari degli USA.

In questo secondo libro, Keyhoe puntò l’attenzione sulla grande ondata di avvistamenti del 1952 e sul ruolo assunto in seno all’Aeronautica Militare degli Stati Uniti con il Project Blue Book, l’ufficio istituito per la raccolta e l’analisi delle testimonianze di “flying saucers”.

Il Centro Italiano Studi Ufologici aveva già contribuito al primo volume della collana “UFO History” con una prefazione  sul ruolo, la biografia e la bibliografia di Donald Keyhoe. Analoga prefazione a firma di Giuseppe Stilo figura su questo secondo volume, riportando alcuni retroscena della sua pubblicazione nel nostro paese.

Rispetto alla prima traduzione del ’54, questa nuova edizione (380 pagine, Euro 24,90) ripristina un titolo più vicino all’originale (“Dischi volanti dallo spazio profondo”), corregge e integra alcuni errori ed omissioni,  aggiunge illustrazioni ed in appendice un’intervista con l’autore. Oltre che presso l’editore, il libro può essere acquistato attraverso la libreria on line Upiar Store.

– – –

In alto: la prima edizione italiana (1954) del libro di Keyhoe.

In basso: L’editore e  traduttore Gianfranco Calvitti al 31° convegno di ufologia (CISU, Bologna 2016)

Tradotto in Italia il primissimo libro sui dischi volanti

Dopo 66 anni è stato tradotto e pubblicato in Italia il primissimo libro pubblicato sui dischi volanti, “Flying Saucers Are Real”, originariamente apparso negli Stati Uniti nel maggio del 1950.

Ne fu autore lo scrittore e giornalista aeronautico Donald Keyhoe che, partendo da un suo clamoroso articolo sul settimanale “True”, aveva appunto affermato che “I dischi volanti esistono” e in seguito “I dischi volanti vengono dallo spazio”.

Di Keyhoe, poi anima della maggiore organizzazione ufologica americana (il NICAP) e a lungo promotore di una vera e propria battaglia contro l’Aeronautica Militare statunitense per ottenere il rilascio dei dati sugli avvistamenti UFO, era uscito in Italia solo il secondo dei suoi cinque libri: “Flying Saucers from Outer Space” (1953), tradotto come “La verità sui dischi volanti” (1954). Su di lui si veda il profilo biografico scritto da Edoardo Russo in occasione della sua morte.

L’iniziativa è ora di una piccola e nuova casa editrice bolognese, Providence Press, che del volume “I dischi volanti sono una realtà” ha pubblicato una prima edizione in tiratura limitata.