Cent’anni di Kolosimo

Nel 2022  cade il centenario della nascita di Peter Kolosimo.

Il noto scrittore e giornalista, che è stato il principale divulgatore della cosiddetta “archeologia spaziale” in Italia, soprattutto tra gli anni ’60 e ’70, nacque infatti a Modena il 15 dicembre 1922.

Pur non essendo e non considerandosi un ufologo, sui “dischi volanti” Kolosimo scrisse non pochi articoli e diversi capitoli contenuti in vari suoi libri, mantenendo paradossalmente un atteggiamento scettico su molti avvistamenti e soprattutto su coloro (i “contattisti”) che dicevano  di essere in contatto con i loro piloti.

A parte gli UFO contemporanei, “P.K.” era invece molto più convinto che extraterrestri provenienti dallo spazio fossero arrivati sulla Terra in epoche lontane ed avessero influenzato antiche civiltà.

I suoi scritti ebbero un enorme successo di pubblico ed influenzarono un’intera generazione, compresi molti che divennero appassionati all’ufologia.

Il Centro Italiano Studi Ufologici ha attivato qualche anno fa un ampio progetto di raccolta, archiviazione, catalogazione  e revisione della bibliografia kolosimiana, come illustrato nel corso del nostro 31° convegno nazionale di ufologia (Bologna, 5 novembre 2016) e della 3° giornata di storiografia ufologica (Torino, 5 marzo 2016).

Nel corso di questo 2022 saranno diverse le pubblicazioni (articoli, libri) e le manifestazioni (convegni, mostre)   dedicate a ricordare e commentare  un personaggio che ebbe un ruolo seminale nella diffusione del concetto di “visitatori extraterrestri” nel nostro paese.

Fra queste iniziative, ci fa piacere essere i primi e pubblicare sulla nostra rivista UFO una lunga intervista inedita che Caterina Kolosimo (moglie e stretta collaboratrice) ha rilasciato a Stefano Bigliardi.

 

 

 

 

– – –
Nella foto in evidenza: alcuni dei libri e delle riviste di Peter Kolosimo
Nella foto in alto: P.K. con Gianni Settimo (Torino, 1967)
Nella foto al centro: P.K. con Renzo Cabassi (Bologna, 1975)
Nella foto in basso: Caterina e Peter Kolosimo nella loro casa torinese (1972)

Il mito del Monte Musinè

Sabato 25 maggio presso la Biblioteca Civica di Torino si è svolta la seconda edizione del convegno “Torino Svelata”,
organizzato dal CAUS (Centro Arti Umoristiche e Satiriche)  allo scopo di smitizzare le tante notizie false o ingigantite che negli ultimi anni hanno esaltato il mito della “Torino magica”.
Il CISU ha partecipato all’iniziativa con una relazione di Gian Paolo Grassino dedicata a “Il mito del Musinè e gli UFO: una leggenda di oggi che parte da lontano”.

Il Musinè è un piccolo monte che si trova a pochi chilometri da Torino, all’imbocco della Val di Susa. Di forma vagamente piramidale e dall’aspetto brullo per la sua conformazione prevalentemente rocciosa, è una montagna ricca di leggende e dicerie di ogni tipo: vulcano spento, montagna radioattiva, punto di incrocio di linee energetiche, luogo di ritrovo di maghi e streghe…   La leggenda più famosa è quella legata alla battaglia che nel 312 d.C. vide scontrarsi il futuro imperatore Costantino con le truppe del rivale Massenzio. In quell’occasione (ma non è un dato storicamente accertato) Costantino avrebbe avuto la nota visione di una croce tra le nubi e della scritta “in hoc signo vinces” che lo avrebbe portato a tollerare la religione cristiana.

In tema ufologico, a partire dagli Anni 60 si sono moltiplicate le voci circa un aumento degli avvistamenti di luci sulle sue pendici e nelle zone circostanti, tanto da far addirittura fantasticare su basi dei “dischi volanti” all’interno del Musinè. Dalla casistica raccolta e catalogata sistematicamente dal Centro Italiano Studi Ufologici non si evidenzia però un numero maggiore di avvistamenti nella zona.

Negli Anni 70 Peter Kolosimo ed altri autori hanno interpretato alcune incisioni rupestri di epoca preistorica come rappresentazioni di costellazioni e segni di un legame con ipotetici visitatori extraterrestri.

Un presunto graffito preistorico, che mostrerebbe un antico disco volante e che campeggia sulle copertine di libri dedicati al Musinè, era in realtà un falso realizzato da un giornalista di Stampa sera, come da lui successivamente confessato.

Uno dei pochi avvistamenti UFO interessanti è quello di un oggetto osservato la sera del 12 luglio 1960 da Mathi mentre transitava lentamente sul monte illuminandone la cima. L’8 dicembre 1978 invece alcuni giovani saliti appositamente sul Musinè per vedere le misteriose luci osservarono una forte fonte luminosa fra gli alberi. Di uno dei ragazzi si persero le tracce per un’ora e, una volta ritrovato, raccontò di essere stato avvolto da una luce misteriosa e di aver intravisto delle figure umanoidi.

Un voluminoso dossier di tutto quello che è stato detto e scritto sui misteri del Monte Musiné è stato raccolto negli anni dallo studioso Paolo Fiorino. Parte di questo materiale è stata riassunta dallo scrittore Mariano Tomatis nel volumetto “Camminata spirituale sul Monte Musinè” (pubblicato e distribuito dalle Edizioni UPIAR), che presenta in modo ironico e disincantato i miti antichi e moderni che hanno reso celebre la montagna torinese.