Mini-flap di avvistamenti UFO in Piemonte

Quando i mass media danno spazio a notizie di avvistamenti clamorosi, spesso si fanno avanti testimoni che raccontano altre osservazioni E’ quello che sta ora avvenendo in Piemonte sulla scia di quanto avvenuto lo scorso 6 giugno a Corio Canavese, dove decine di persone hanno visto una luce in cielo apparentemente inseguita da due aerei militari: oltre alla consueta coda di voci, ipotesi e smentite è seguita una serie di segnalazioni di altri avvistamenti, avvenuti nei giorni precedenti o successivi in varie zone della regione.

La prima testimonianza risale già alla sera di sabato 2 giugno, intorno alle 21.30, quando una donna che si trovava allo Stadio Olimpico di Torino per il concerto di Vasco Rossi ha osservato per un paio di minuti un oggetto rotondo non ben delineato, con riflessi bianco-azzurri, muoversi lentamente verso nord nel cielo ancora chiaro.

Il giorno successivo, a Nole, sempre nel Torinese, un impiegato che rientrava in auto con la moglie per il pranzo ha notato nel cielo parzialmente sereno la presenza di un oggetto brillante lenticolare, inclinato a 45°,  che dopo aver oscillato per alcuni secondi è schizzato in alto scomparendo in una nube [ricostruzione del testimone nella foto in evidenza].

Due le segnalazioni relative ad avvistamenti avvenuti sabato 9: quello che è stato descritto come “un uomo volante” [foto qui a lato] sarebbe stato fotografato da un turista a Dormelletto (Novara), mentre  cinque puntini neri in lento movimento nel cielo sono stati filmati a Banchette d’Ivrea poco dopo le ore 21.

Poche ore dopo, alle 2.20 di domenica 10 giugno, un automobilista che percorreva la  statale a San Germano Vercellese si è trovato a passare sotto un disco luminoso giallo e blu sospeso sopra la strada.

In gergo ufologico, si parla di flap per indicare queste concentrazioni di avvistamenti in una certa zona e in un arco temporale ristretto. In passato si pensava che indicassero un’effettiva maggior presenza di fenomeni UFO, mentre ormai è prevalente l’opinione che si tratti invece dell’emersione di una maggior percentuale degli “avvistamenti nascosti”: sulla base dei dati Doxa, sarebbero infatti oltre 3 milioni gli italiani che pensano di aver visto un UFO, a fronte di circa 30mila segnalazioni raccolte e catalogate dagli studiosi, che costituirebbero quindi solo l’1% del totale.

Notte degli UFO in mezza Italia

Dalle prime ore di oggi hanno cominciato ad arrivare decine di segnalazioni del passaggio di un oggetto luminoso in cielo, visto in mezza Italia (e sopra l’Europa meridionale).

Nel nostro paese il fenomeno è stato osservato come minimo dalla Liguria, dalla Toscana, dal Lazio e dalla Campania, con diversi filmati e fotografie realizzate da testimoni ancora svegli poco dopo le due della notte tra sabato e domenica, quando le lancette degli orologi avrebbero dovuto essere spostate avanti di un’ora.

La raccolta delle testimonianze impegnerà gli studiosi nei prossimi giorni, ma le prime segnalazioni disponibili in rete e corredate da foto e video sono state quelle da Anzio (RM), Nettuno (RM), Fondi (LT), Pozzuoli (NA), Benevento (BN), fra Salerno e Maiori (SA), a Vallo di Diano (SA) e Padula, a Battipaglia (SA) e altre località campane.

Osservazioni di massa di fenomeni aerei luminosi di questo tipo sono un fenomeno ricorrente, ben noto agli studiosi fin dai primi anni ’50, che le hanno battezzate “flap”: a differenza dei tipici avvistamenti UFO (in particolare quelli ad alta stranezza) che coinvolgono poche persone in una singola località, nei flap si hanno decine o centinaia di testimonianze contemporanee da località anche molto distanti, che descrivono uno stesso fenomeno.

I flap relativi al passaggio veloce di uno o più oggetti luminosi, con o senza scia, lungo una rotta generalmente rettilinea, sono in massima parte sono riconducibili a due tipi di cause (che presentano caratteristiche fenomeniche molto simili): bolidi e rientri atmosferici di satelliti artificiali (o soprattutto di parti dei razzi vettori che li mettono in orbita). Uno di quelli più clamorosi e meglio studiati avvenne la notte del 6 giugno 1983, ma questo tipo di eventi si verificano sull’Italia ogni due-tre anni in media.

Il fenomeno di questa notte è stato infatti causato dal rientro in atmosfera del terzo stadio (2018-026B) della Soyuz MS-08, lanciata lo scorso 21 marzo dal cosmodromo di Baikonour (in Kazakistan) per portare sulla Stazione Spaziale Internazionale due astronauti statunitensi e un cosmonauta russo.

Secondo quanto risulterebbe dai satelliti infrarossi statunitensi, come riportato dall’astrofilo Marco Langbroek, il rientro sarebbe avvenuto alle 03:25 (ora estiva) intorno alle coordinate 41.9°N, 8.1°E, quindi sopra il tratto di mare di fronte ad Ajaccio, in Corsica, lungo una traiettoria che sarebbe altrimenti proseguita parallelamente alla costa italiana.

[Hanno collaborato Roberto Labanti, Sofia Lincos, Pasquale Russo, Gianni Ascione, Antonio Rampulla]