++ Save the Date! ++ TORINO, SABATO 7 OTTOBRE: 32° Convegno Nazionale di Ufologia

++ SAVE THE DATE!!! ++

Questo è un primo annuncio:

il 32° Convegno Nazionale di Ufologia organizzato dal Centro Italiano Studi Ufologici (CISU) avrà luogo sabato 7 ottobre 2017 nella città di Torino, sarà aperto al pubblico, ad accesso gratuito e durerà per tutta la giornata.

E’ probabile sia accompagnato da iniziative collaterali.

Torneremo con maggiori dettagli organizzativi, sugli ospiti e sul programma generale.

Il Consiglio direttivo del Centro Italiano Studi Ufologici vi invita caldamente a partecipare e a sostenere un’ufologia attiva, di orientamento scientifico e fatta per le persone che vogliono ragionare.

Iscrivetevi al Centro Italiano Studi Ufologici!

La “Canadian UFO Survey 2016”: ovvero, tutti gli UFO canadesi del 2016

E’ ormai il ventottesimo anno consecutivo che l’associazione ufologica canadese UFOlogy Research of Manitoba, diretta dallo studioso Chris Rutkowski, rende noto il quadro complessivo dei casi ufologici raccolti e studiati per l’anno precedente per l’intero territorio del Canada.

Lo segnaliamo ai lettori soprattutto per un motivo: si tratta di un’iniziativa che cerca di rispondere alla domanda di base del problema ufologico, che è questa:

le osservazioni ufologiche fatte in tutto il mondo da persone in buona fede e di ogni estrazione culturale, sono indicative di uno o più fenomeni sconosciuti alle attuali conoscenze scientifiche? Oppure sono tutte attribuibili ad errori, equivoci, cattive interpretazioni, ecc.?

Per affrontare in modo adeguato il problema bisogna occuparsi in modo sistematico, razionale e costante della casistica corrente. Questa è una delle cose principali che, come questi colleghi canadesi, fa il Centro Italiano Studi Ufologici.

Nel 2016 per il Canada sono state raccolte 1.131 segnalazioni (si consideri che è un Paese di 35,8 milioni di abitanti, dunque un numero in proporzione assai elevato di casi). Per il quinto anno consecutivo il numero di eventi è stato superiore a mille, ma al contempo i casi non identificati – esattamente come da noi – sono diminuiti e per il 2016 essi hanno toccato la percentuale del 4%, il che vuol dire non più di quarantacinque episodi (anche se, lo si noti, quelli con dettagli insufficienti per una qualsiasi valutazione restano numerosissimi).

Proprio come per il CISU, la convinzione degli studiosi canadesi è che il numero di casi per i quali non è stato possibile raggiungere una spiegazione sia progressivamente calato per la nostra maggior disponibilità di strumenti, di capacità analitiche e di esperienza operativa da parte degli ufologi di orientamento scientifico.

Ecco  comunque uno fra quelli che sono stati ritenuti i più interessanti “non identificati” canadesi del 2016.

Il 14 novembre 2016, alle 06.22, nei pressi di Toronto un aereo commerciale che stava effettuando un volo di linea ha avuto un near miss (mancata collisione) con un oggetto volante non identificato.

Mente volava a 8.300 piedi di quota (2530 m circa) a poco più di quarantacinque chilometri ad est del punto di approccio iniziale all’aeroporto di Toronto, l’equipaggio di questo aereo notava un oggetto direttamente davanti alla propria rotta. Si trattava di un corpo dall’aspetto solido dal diametro compreso fra 1, 5 e 2,30 metri circa, a forma di “ciambella con buco al centro” o di “camera d’aria”.

Si noti che i membri dell’equipaggio presenti in cabina hanno subito lievi escoriazioni, perché il pilota ha ritenuto di dover compiere un’azione evasiva intravedendo i rischi di una collisione fra l’aereo e l’oggetto volante.

Tutti i testimoni hanno dichiarato di escludere potesse trattarsi di un pallone e, quanto a un drone, la quota elevata al quale si trovavano e l’area vietata a quel tipo di velivoli renderebbero la cosa improbabile.

Il Comitato per la Sicurezza dei Trasporti canadese, studiato l’evento, ha concluso la sua relazione sull’episodio asserendo che “l’incidente deve esser classificato come mancata collisione con un oggetto volante non identificato.”

Del caso avevamo già parlato su questo sito nel novembre scorso.

Una questione centrale, tuttavia, rimane aperta alle controversie scientifiche più serie. Che cosa significa la presenza del residuo di non identificati come l’episodio appena accennato? Costituiscono davvero l’evidenza di qualche fenomeno che non conosciamo (cioè, sono dei “veri UFO”)? Oppure non siamo stati bravi a sufficienza nell’analizzarli e anche questi potrebbero essere fatti dovuti a cause “normali”?

La sfida è tuttora senza vincitori.

Il suicidio di massa dei cultisti UFO di “Heaven’s Gate”, vent’anni dopo

Sia pure in qualche rara occasione, nel corso della storia dell’ufologia i gruppi neo-religiosi centrati sulla credenza negli UFO come extraterrestri onnipotenti si sono rivelati pericolosi nel senso più proprio del termine.

Che in certi casi queste convinzioni incoercibili possano rivelarsi distruttive lo si vide forse per la prima volta nel 1962, quando la contattista americana Gloria Lee, una hostess trentaseienne, morì dopo un lungo sciopero della fame che aveva iniziato per attirare l’attenzione sul piano per la pace mondiale che gli abitanti di Giove, con i quali era in contatto telepatico, le avevano trasmesso.

Però nessun evento, per quanto grave, può paragonarsi al suicidio di massa dei cultisti UFO del gruppo Heaven’s Gate, consumatosi vent’anni fa, il  26 marzo 1997 a San Diego, in California, sin dal 1945 uno dei luoghi di nascita delle varianti occultistiche dell’ufologia.

Fondato nel 1974 da un uomo e una donna, Marshall Applewithe e Bonnie Nettles,  portò a un crescente isolamento sociale dei suoi membri, che finirono per convincersi che la cometa Hale-Bopp, allora prossima alla Terra, fosse un’astronave extraterrestre e che avrebbero potuto raggiungerla suicidandosi.

Questi deliri portarono alla morte di trentanove persone. 

In occasione di quella tragedia sul sito The Conversation è uscito un articolo la cui lettura attenta vi consigliamo.

E’ opera di uno degli studiosi di religioni contemporanee che più si è occupato della vicenda di “Heaven’s Gate”, il professor Ben Zeller, che lavora al Forest Lake College di Chicago.

Esso mostra una conseguenza positiva che quelle morti in apparenza inutili hanno avuto. La portata degli eventi, infatti, è stata tale da attirare in modo definitivo e sistematico l’attenzione di storici e sociologi delle religioni, antropologi e storici delle idee sul contenuto neo-religioso di gruppi di vario genere che hanno fatto dei pretesi alieni – a seconda dei casi – il loro oggetto di culto, di terrore o di devozione assoluta.

Dopo i lavori classici del professor J. Gordon Melton,  esempi chiari di questa “normalizzazione” accademica dell’attenzione per i culti-UFO pssono essere il volume collettivo UFO Religions, uscito nel 2003 sotto il coordinamento del professor Christopher Partridge e ancor di più la Encyclopedic Sourcebook of UFO Religions (2005), diretta dal prof. James R. Lewis.

Un tempo “orfani” quanto a titolarità degli studi scientifici, il vasto mondo delle religioni, dell’occultismo, dell’esoterismo ufologici è ormai ampiamente documentato da pubblicazioni di ogni genere.

Fra gli accademici che hanno contribuito di più in questi ultimi due decenni ad innovare approcci e metodi menzioniamo l’americana Diana Tumminia e il danese Mikael Rothstein.

Un altro lungo e articolo interessante pezzo che rivaluta lo Heaven’s Gate e altri gruppi cultistici  e che vi invitiamo a leggere è quello pubblicato dallo studioso inglese di ufologia Nigel Watson sul London Economic il 30 marzo.

Un anello fatto di nuvole nel cielo di Forlì? Com’è possibile?

La mattina di giovedì 16 marzo in parecchi hanno notato nel cielo di Forlì e hanno poi commentato con stupore sui social network la presenza di un anello di nuvole rimaste a lungo a disegnare delle forme ad anello quasi perfetto nel cielo limpidissimo.

Non sono mancate le ipotesi fantasiose e – inevitabilmente – quelle concernenti il passaggio di un UFO.

In realtà il fenomeno era dovuto alla scia di condensazione di aerei dell’Aeronautica decollati dalla base di Cervia (Ravenna) per delle esercitazioni e che avevano manovrato a lungo sul forlivese.

L’occasione però è stata buona perché il sito locale ForlìToday ha dato un esempio di giornalismo serio cogliendo l’occasione per interpellare il meteorologo Pierluigi Randi, di Meteocenter ed Emilia Romagna Meteo, che ha spiegato in sintesi i complessi meccanismi fisici di formazione delle scie dei velivoli e in particolare le differenze fondamentali rispetto alla nascita delle nubi di origine naturale.

Randi ha anche illustrato i motivi per i quali alcune scie dovute a velivoli di passaggio durano per brevissimi periodi di tempo ed altre invece permangono quasi inalterate assai a lungo, magari disegnando sagome sorprendenti come nel caso forlivese del 16 marzo.

Qui sopra vedete una foto tratta dall’articolo pubblicato da “ForlìToday” lo stesso 16 marzo.

Il fenomeno è stato comunque notato anche da varie parti della Romagna.

Citiamo qui Randi per la completezza delle sue parole e lodiamo “ForlìToday” per la volontà di illustrare al suo pubblico le cose senza cedere a tentazioni pseudoscientifiche di sorta:

“Le diverse modalità di “comportamento” delle scie nasce dal fatto che per potersi avere la loro formazione è indispensabile che la quantità di vapore acqueo presente negli strati d’aria attraversati dal velivolo sia sufficientemente vicina al punto di saturazione calcolato rispetto all’acqua liquida. Per avere scie persistenti è importante che la quantità di vapore acqueo presente sia in eccesso rispetto alla quantità necessaria per renderla satura rispetto al ghiaccio. Molti studi hanno mostrato come l’esistenza di moti verticali nei volumi d’aria dove avviene il rilascio dei gas di scarico favorisca in maniera significativa (dal 16% all’84 % dei casi) la formazione, persistenza ed espansione delle scie di condensazione; inoltre la relativa abbondanza di vapore acqueo nell’ambiente ove i gas di scarico vengono rilasciati sia di notevole importanza per permettere la formazione e la persistenza delle scie di condensazione; infine la dinamica dei vortici d’aria che si creano nella scia degli aerei in volo permette di spiegare l’intermittenza nel tessuto delle scie di condensazione. Quindi nulla di anomalo o di strano, le condizioni termodinamiche della troposfera erano alquanto favorevole alla formazione di tali scie”.

 

 

Solo quattro segnalazioni O.V.N.I. raccolte dall’Aeronautica Militare Italiana per l’anno 2016

Come ormai consuetudine e stavolta con notevole solerzia, il Reparto Generale Sicurezza dello Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, che ha il compito di raccolta e verifica delle segnalazioni di Oggetti Volanti Non Identificati (O.V.N.I.) provenienti da civili tramite le stazioni locali dei Carabinieri oppure da personale delle Forze Armate, ha appena reso noto il bilancio dei casi raccolti per l’anno 2016.

Confermando una tendenza ad una progressiva riduzione, il documento indica appena quattro episodi, sunteggiati in un documento in formato pdf che tutti possono scaricare.

Un caso si riferisce al mese di febbraio e giunge da Pieve d’Alpago (Belluno), il secondo ad agosto e giunge da Misano Adriatico (Rimini), il terzo al mese di settembre e viene dalla cittadina di Spinea (Venezia), esattamente come l’ultimo, il 4 dicembre. Una sommaria impressione è che non si tratti di episodi di speciale rilievo.

Nell’ultimo numero di UFO – Rivista di Informazione Ufologica, uscito nella prima metà di marzo, avevamo già commentato la costante diminuzione dei casi disponibili all’Aeronautica (otto per il 2014, due per il 2015) e il fatto che nessun evento pare ormai arrivare da personale in divisa. Tutti sono dovuti a privati cittadini.

 

François Louange, gli UFO e Ipaco, programma di analisi foto-video

Il 27 febbraio il sito francese Franceinfo ha dedicato largo spazio ed un’intervista video alle attività di uno studioso francese, l’ingegner François Louange.

L’articolo di Franceinfo che vi segnaliamo descrive con sufficiente dettaglio alcune delle procedure d’analisi che Louange utilizza per il suo ambito specialistico: le foto e le riprese video di presunti fenomeni UFO.

Settantun anni, l’ing. Louange ha lavorato per l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) a Darmstadt (Germania), dove si è occupato di elaborazione dati trasmessi da satelliti e poi a Madrid, dove si è occupato per l’IUE (International Ultraviolet Explorer), satellite condiviso fra NASA ed ESA, al processamento d’immagini nello spettro ultravioletto.

Lasciata l’ESA nel 1980 è stato consulente del Ministero della Difesa francese per un programma di ricognizione satellitare. Da lì ha fondato la FLEXIMAGE, società dedicata all’analisi delle immagini riprese dallo spazio a fini d’intelligence.

 Dal 2007 è tornato consulente indipendente ed è in questo periodo che ha preso a collaborare in maniera più ampia col GEIPAN del Centre National d’Etudes Spatiales (CNES) francese all’analisi di foto e video ufologici.

In realtà Louange si occupa di UFO dal 1975. Tentò invano di creare un gruppo di lavoro sul fenomeno nell’ambito dell’ESA, poi nel 1997 prese parte al cosiddetto seminario di Pocantico, un workshop di ufologi e scienziati  di complessivo orientamento extraterrestrialista, cosa per la quale ricevette anche diverse critiche pure da parte degli studiosi di ufologia.

Oggi Loaunge critica in modo aperto le posizioni apertamente filo-ET della maggior associazione ufologica statunitense, il MUFON, ma al contempo non concorda con i debunkers il cui obiettivo unico, a suo avviso, sarebbe quello di contrastare ad ogni costo i “credenti” negli alieni.

Secondo lui – ha dichiarato a Franceinfo – “ci sono migliaia di testimonianze e di registrazioni di fenomeni in atmosfera che non si riesce a spiegare. Trovare delle spiegazioni a questi casi è quello che mi motiva”.

Nel 2001 le sue raccomandazioni avrebbero avuto un ruolo nella trasformazione dell’originario GEPAN, allora in fase di agonia, nell’attuale GEIPAN, organismo per il quale ha prodotto in tempi più recenti una dozzina di rapporti d’analisi.

Negli ultimi anni si è però fatto conoscere soprattutto per IPACO, un programma specificamente dedicato all’analisi delle foto e delle riprese di supposti UFO derivato dal software OCAPI per l’analisi delle immagini a fini di intelligence strategica che aveva sviluppato per i militari francesi.

Il software IPACO viene continuamente sviluppato ed aggiornato da Louange, che di recente si è fatto di nuovo conoscere dall’opinione pubblica per l’analisi critica della ripresa video del supposto UFO dell’elicottero cileno risalente all’11 novembre 2014.

 

— FLASH — Bolide sull’Italia centrale alle ore 21.47 del 20 marzo

Giungono notizie secondo le quali alle 21.47 di lunedì 20 marzo 2017 un vistoso fenomeno luminoso è stato osservato per alcuni secondi nel cielo in direzione est da zone che vanno dall’Adriatico (provincia di Pesaro – Urbino) alla dorsale centrale toscana (provincia di Siena).

Il Centro Italiano Studi Ufologici è interessato a ricevere descrizioni dettagliate del fenomeno celeste – a prescindere dalla sua natura. Scrivete a cisu@ufo.it oppure compilate qui il nostro Questionario d’avvistamento e fatecelo avere.

Il CISU garantisce la privacy in base alla legge e al suo Codice deontologico.

Gratis per voi un altro numero della collezione di “UFO – Rivista di Informazione Ufologica”

Il Centro Italiano Studi Ufologici sta mettendo progressivamente a disposizione del pubblico la collezione della sua principale pubblicazione periodica, ossia la rivista “UFO”, adesso nel suo trentunesimo anno di esistenza.

A pochi giorni dall’uscita del nuovo numero (per riceverlo e per avere quelli futuri abbiamo bisogno che ci sosteniate iscrivendovi come collaboratori) ecco intanto, gratis, un altro degli esemplari passati della nostra collezione, il numero 40.

Potete scaricarlo qui. Nelle sue pagine troverete ulteriori esempi del nostro lavoro e dei modi in cui operiamo.

Più che mai è adesso necessario disporre di una nuova generazione di appassionati di UFO che condividano la concezione del mondo alla quale ci ispiriamo nell’occuparci del fenomeno: quella della scienza.

Il Centro Italiano Studi Ufologici apre le porte a chi voglia intraprendere questa nuova avventura del pensiero e della ricerca. Ognuno può portare una propria competenza e qualche specifico interesse per questo o quell’aspetto del nostro studio.

Chiunque voglia imparare “come si fa ufologia” troverà nella nostra associazione un approdo sicuro e sperimentato.

Uscito il numero 42 di “UFO – Rivista di Informazione Ufologica”

E’ uscito il nuovo numero di UFO – Rivista di Informazione Ufologica. La rivista, che  è  pubblicata dal Centro Italiano Studi Ufologici dal 1986 è giunta ora al numero 42, viene inviata a tutti gli aderenti alla nostra associazione ma è acquistabile da chiunque sul sito della Cooperativa editoriale UPIAR.

UFO 42 copertina
La copertina del n. 42 della nostra rivista periodica.

Segnaliamo un lungo articolo relativo ad una complessa  contro-inchiesta che gli studiosi Matteo Leone e Paolo Fiorino hanno condotto su un famoso caso di incontro ravvicinato del terzo tipo che si verificò a Casale  Monferrato (Alessandria) nell’aprile 1974, l’analisi, condotta dal NARCAP, di un incontro UFO-aliante avvenuto negli Stati Uniti il 9 agosto del 2015 e le indagini su alcuni presunti incontri del terzo tipo siciliani.

E poi ancora: Marco Orlandi che finalmente documenta in maniera seria il vasto interesse che David Bowie ebbe per gli UFO, il dibattito a distanza fra gli studiosi Jacques Vallée e Vicente-Juan Ballester Olmos sugli orientamenti da dare alla futura ufologia scientifica, un’ampia sezione di Attualità gestita da  Giuseppe Stilo insieme ad un suo articolo su tre ufologi scomparsi recentemente che rappresentano tre pezzi di storia dell’ufologia stessa e tante altre notizie e commenti che non troverete altrove.

Per aderire al CISU come collaboratori e ricevere in modo automatico la nostra rivista dovete compilare il modulo di iscrizione.

Le “luci fantasma”: un fenomeno del quale si torna a parlare in Spagna

Il Centro Italiano Studi Ufologici dispone di un progetto di ricerca dedicato a quelli che molti studiosi chiamano Earth lights (“luci terrestri”), ossia quei presunti fenomeni luminosi di dimensioni limitate che si muoverebbero a poca distanza dal terreno e che in moltissimi casi si ripeterebbero per lunghi periodi di tempo in precise località del pianeta.

Testimonianze di questo tipo sono documentabili con chiarezza almeno da quattrocento anni in varie parti del mondo, sovente assimilate ai fuochi fatui  e al loro folklore.

Esiste una vastissima bibliografia sulla questione la cui raccolta ed analisi avviene a cura del Progetto Earth Lights.

Oggi ne parliamo perché proprio di recente la stampa locale spagnola ha manifestato interesse per uno di questi fenomeni luminosi ricorrenti, quello che fu menzionato più volte fra il 3 e il 28 marzo del 1897 dal quotidiano “El Anunciador Vitoriano” e che veniva osservato da varie località della provincia di Álava, nel nord della Spagna.

Le numerose fonti giornalistiche recuperate raccontano che in vari paesi della provincia, sino al capoluogo Vitoria, contadini e cittadini di ogni condizione uscivano di casa ogni sera per cercare di scorgere un globo luminoso rossastro dall’intensa luminosità che si aggirava all’altezza degli alberi illuminandoli della sua luce.

Secondo uno schema classico di questo tipo di testimonianze, sovente le fonti riferivano di un moto oscillante, dello spavento riportato da una testimone che dovette richiudere in modo precipitoso la finestra di casa quando il globo le parve avvicinarsi troppo, della rapida associazione fatta con la categoria tradizionale dei fuochi fatui e con storie di fantasmi.

Ci furono anche osservazioni di gruppo fatte da punti eminenti (da una torre, ad esempio) e tentativi di classificare gli aspetti che la luce misteriosa avrebbe assunto: un ellissoide, un tubo, un globo di dimensioni varianti da quelle di un arancio a un metro di diametro.

Buona parte delle fonti finora note in realtà erano disponibili sin dall’agosto 2015 sul blog dello studioso spagnolo Martín Armada Teixido. Rappresentano un esempio davvero significativo del modo in cui la stampa discuteva al tempo, e non solo in Spagna, il fenomeno delle luci fantasma.